le notizie che fanno testo, dal 2010

Monopoli (Ba): strappa il cellulare dalle mani di una ragazza, arrestato

"Ha scippato il cellulare ad una ragazza, ma è stato catturato in breve tempo, grazie alla descrizione fornita dalla vittima. Dovrà difendersi dalle accuse di furto con strappo e resistenza a pubblico ufficiale, un pregiudicato 24enne di Conversano, arrestato l'altra sera a Monopoli dai Carabinieri del Pronto Intervento", viene riportato in una nota dei militari.

"Ha scippato il cellulare ad una ragazza, ma è stato catturato in breve tempo, grazie alla descrizione fornita dalla vittima. Dovrà difendersi dalle accuse di furto con strappo e resistenza a pubblico ufficiale, un pregiudicato 24enne di Conversano, arrestato l'altra sera a Monopoli dai Carabinieri del Pronto Intervento" scrive in una nota l'Arma.
La Benemerita prosegue ancora: "I militari, durante un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione di reati contro il patrimonio e la persona, nel transitare in piazza Plebiscito, sono stati raggiunti da una ragazza, la quale ha riferito che pochi istanti prima, mentre stava chattando con il proprio telefono cellulare, era stata colta di sorpresa da un giovane, avvicinatosi alle spalle, il quale, con un rapido gesto, le aveva strappato l'apparecchio dalle mani, scappando a piedi verso piazza Vittorio Emanuele."
"Nella circostanza la vittima ha fornito anche una dettagliata descrizione del ladro e dell'abbigliamento indossato - proseguono in conclusione i militi -, agevolando così le ricerche. In effetti, sono bastati pochi minuti ai militari per intercettare il giovane, mentre correva verso via Rattazzi, il quale, accortosi dell'arrivo della 'gazzella' dell'Arma, si è sbarazzato del cellulare, gettandolo sotto le auto in sosta. A nulla, però, è servito il tentativo di nascondersi dietro una di esse, perchè è stato immediatamente scoperto e bloccato dai militari, nonostante avesse tentato in tutti i modi di sottrarsi alla cattura, strattonandoli. Scattato l'arresto, il 24anne, su disposizione della Procura della Repubblica di Bari, è stato condotto a casa, agli arresti domiciliari. Lo smartphone, invece, è stato recuperato e restituito, a tempo di record, alla vittima, grata ai carabinieri per la loro tempestività ed efficacia."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: