le notizie che fanno testo, dal 2010

Massafra: stanato da una foto sui social, arrestato uno dei topi d'appartamento

Arrestato uno dei componenti della banda dedita questa estata a vari furti in appartamento.

"I Carabinieri dell'Aliquota Operativa della Compagnia di Massafra hanno dato esecuzione ad un provvedimento cautelare emesso dal gip del Tribunale di Taranto - spiega in un comunicato l'Arma -, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica jonica, nei confronti di un 19enne barese, ritenuto responsabile - in concorso con altri soggetti allo stato non identificati - di diversi furti aggravati all'interno di abitazioni."

Dalla Benemerita rivelano inoltre: "L'attività info-investigativa dei Carabinieri dell'Aliquota Operativa di Massafra, traeva origine da una serie di furti in abitazioni verificatisi nel territorio di Massafra durante l'intera stagione estiva. In particolare si verificavano una serie di episodi il cui 'modus operandi' esulava dai canoni classici del furto in abitazione: gli autori girovagando per il litorale della località di 'Chiatona' adocchiavano le vittime ed individuavano il mezzo di trasporto con cui si erano recati nella località balneare."

"A questo punto, dopo aver forzato la serratura del veicolo, asportavano dall'interno le chiavi di abitazioni e documenti di circolazione e/o di assicurazione, che le vittime avevano lasciato nella propria auto, ritenendolo un posto più sicuro rispetto alla spiaggia, per poi successivamente recarsi presso le loro residenze e impossessarsi di oggetti preziosi e denaro contante" proseguono i Carabinieri.

"Acquisita la sicurezza e la tranquillità nel compiere tale delitti - continuano infine i militi -, i ladri hanno commesso - in particolare in due casi - degli errori che hanno consentito l'identificazione di uno degli autori dei furti. In un primo episodio i malviventi asportavano dall'interno di un'abitazione vari monili in oro e soldi contanti di considerevole valore. Gli accertamenti immediati effettuati dai Carabinieri permettevano di individuare, nei pressi dell'abitazione della vittima, un sistema di video sorveglianza di un esercizio commerciale posto nelle immediate vicinanze da cui si estrapolavano le immagini. La visione di queste permetteva di individuare l'autovettura usata dai malfattori, rilevandone tipologia e targa, e constatare le caratteristiche fisico-somatiche e l'abbigliamento di uno degli autori. In virtù degli elementi acquisiti i Carabinieri riuscivano a individuare il pregiudicato barese. Ad aggravare la sua posizione vi è la spregiudicatezza nell'uso di un famoso social network. Tra le varie foto postate dal giovane, ve ne era una nella quale il pregiudicato indossava il medesimo abbigliamento già usato per la perpetrazione di quel furto, quindi prova inconfutabile della sua colpevolezza. Lette le conclusioni dei Carabinieri dell'Aliquota Operativa della Compagnia di Massafra, confermate dalla richiesta del Pubblico Ministero, il gip del Tribunale di Taranto emetteva nei confronti del 19enne un provvedimento di custodia cautelare in carcere, notificatogli all'interno della Casa Circondariale di Bari ove è ristretto per altri reati."

© riproduzione riservata | online: | update: 22/11/2016

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Massafra: stanato da una foto sui social, arrestato uno dei topi d'appartamento
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI