le notizie che fanno testo, dal 2010

Asti: fondevano oro rubato nel forno elettrico, famiglia sinti arrestata

"Lo scorso 16 novembre, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Asti, hanno arrestato 3 persone tutte appartenenti alla stessa famiglia 'sinti'. I militari hanno anche rinvenuto un forno elettrico utilizzato dalla famiglia per la fusione dell'oro ed uno stampo per la formazione dei lingotti", viene messo al corrente in un comunicato dai Carabinieri.

"Lo scorso 16 novembre - rendono noto dall'Arma -, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Asti, coadiuvati dai colleghi della Compagnia di Intervento Operativo del 3° Reggimento Carabinieri Lombardia, dai cinofili del Nucleo Carabinieri di Volpiano e dai cinofili della Polizia Penitenziaria di Asti, nel corso di una perquisizione delegata dall'autorità giudiziaria di Asti, hanno arrestato 3 persone tutte appartenenti alla stessa famiglia 'sinti'."
"Durante la perquisizione nell'abitazione - evidenzia poi la Benemerita -, gli operanti hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro la somma in contanti di oltre 30.000 euro, nascosti dietro alcuni cassetti all'interno di un armadio, vari oggetti di bigiotteria e circa 500 grammi di oro comprensivi di catenine, braccialetti, orecchini, fedi ed oggettistica varia, provento di furti, nascosti all'interno del vano di congelatore di un frigorifero, un orologio Rolex ed altri orologi di varie marche."
"I militari hanno anche rinvenuto un forno elettrico utilizzato dalla famiglia per la fusione dell'oro ed uno stampo per la formazione dei lingotti, un kit con reagenti chimici per la verifica della bontà dell'oro, ed attrezzatura varia come ad esempio passamontagna, spray urticante e ricetrasmittenti, presumibilmente utilizzati per commettere reati predatori. Su disposizione dell'autorità giudiziaria, i due coniugi sono stati sottoposti agli arresti domiciliari mentre la figlia è stata sottoposta alla misura dell'obbligo della presentazione alla Polizia Giudiziaria. Tutta la refurtiva rinvenuta è custodita presso gli uffici del Comando Compagnia Carabinieri di Asti, a disposizione dell'autorità giudiziaria. Si invitano le persone che hanno subito furti a presentarsi presso il questo Comando per il riconoscimento della refurtiva" comunicano infine i militi.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: