le notizie che fanno testo, dal 2010

Sebastiano Rossi fuma sigaro in un bar. Diverbio e picchia carabiniere

Sebastiano Rossi, ex portiere del Milan detentore ancora oggi del record di imbattibilità in campionato, verrà processato lunedì 9 maggio per direttissima per aggressione e resistenza a pubblico ufficiale. Tutto nascerebbe da un sigaro in un bar.

Sebastiano Rossi, ex portiere del Milan detentore ancora oggi del record di imbattibilità in campionato, verrà processato lunedì 9 maggio per direttissima per aggressione e resistenza a pubblico ufficiale. Secondo le prime ricostruzioni, infatti, Sebastiano Rossi avrebbe dato un pugno in bocca ad un carabiniere, provocandogli una ferita a cui sono stati applicati anche dei punti, con 8 giorni di prognosi. Sembra che tutto sia iniziato quando la barista di un bar di Cesena, dove l'ex portiere stava trascorrendo una serata, ha invitato Seba Rossi ad uscire, pare perché stesse fumando un sigaro all'interno del locale. Sebastiano Rossi si sarebbe rifiutato, rispondendo anche malamente alla barista, al che un carabiniere in borghese seduto a un tavolo vicino si è avvicinato per cercare di calmare l'uomo. Nonostante il carabiniere pare si fosse identificato, Rossi avrebbe continuato il diverbio e, forse a causa dell'alcol, alla fine ha aggredito il militare colpendolo con un pugno alla bocca. Il carabiniere è riuscito comunque a reagire, arrestando Sebastiano Rossi e, insieme ad un'altra pattuglia intervenuta sul luogo, ha portato l'ex portiere del Milan in una cella di sicurezza nella caserma della Compagnia carabinieri di Cesenatico. Non è il primo guaio con la giustizia per Sebastiano Rossi, visto che nel 2007 fu denunciato per minacce gravi, lesioni e sequestro di persona per una vicenda nata da una questione sentimentale.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# alcol# Cesena# Cesenatico# Milan# record# sequestro