le notizie che fanno testo, dal 2010

IFL 2012: Panthers, che fatica a Roma! Ok Elephants al debutto

La terza giornata di campionato italiano IFL di football americano regala emozioni, cominciando dai Panthers vincenti con fatica contro i Marines Lazio . Ma i campioni d'Italia non sono i soli a soffrire, visto che i Lions Bergamo cadono ad Ancona in una partita bella e spettacolare. A punteggio pieno gli Hogs Reggio Emilia che dominano il derby emiliano contro i Doves Bologna. Buon debutto per gli Elephants Catania che con una vittoria si candidano al ruolo di protagonisti del massimo campionato di football americano.

Emozioni, incertezza e tanto equilibrio. E' quanto si legge nel campionato IFL 2012 di football americano, arrivato alla terza giornata sempre più all'insegna dell'imprevedibilità. Questa volta i team di maggior peso sono riusciti a dimostrare il loro valore, ma non senza qualche difficoltà. A cominciare dai campioni d'Italia dei Panthers Parma, chiamati alla difficile trasferta di Roma. Le "Pantere" superano i Marines Lazio per 23-12 ma la squadra di casa dimostra intraprendenza in una gara tirata fino all'ultimo e decisa a favore degli ospiti con due lanci in touchdown di Tommaso Monardi nei minuti conclusivi. Diverso discorso per l'atteso debutto degli Elephants Catania che a Milano contro i Seamen vincono 35-51 imponendosi come vera forza del football americano. Football americano che non può fare a meno degli Warriors Bologna, chiamati a vincere a Cernusco contro i Daemons. Gli emiliani non deludono le attese, vincono 26-48 ma soffrono un po' troppo contro i lombardi capaci di chiudere in vantaggio il primo tempo mettendo i brividi agli uomini di coach Toni Mangiafico. Vince in trasferta l'altra squadra lombarda dei Sampla Belting Rhinos Milano che a Bolzano trionfano per 6-20 sui Giants. L'atteso derby emiliano va agli Hogs Reggio Emilia che non hanno pietà del debutto stagionale degli Elmo Doves vincendo 20-56 e portandosi a casa il secondo successo consecutivo in campionato IFL di football americano. Grande spettacolo ad Ancona con gli Energy Building Dolphins che hanno la meglio sui Lions Bergamo grazie ad un match in crescendo. La classifica vede ora i soli Hogs a punteggio pieno (2 vittorie e 0 sconfitte) con i Panthers Parma e gli Warriors Bologna che seguono con attenzione (2 vittorie e 1 sconfitta). Ma il campionato italiano IFL di football americano è ancora lungo e si prospettano tante sorprese.

SEAMEN MILANO-ELEPHANTS CATANIA 35-51 Sono stati gli Elephants che gli appassionati hanno imparato ad aspettarsi, ovvero esplosivi in attacco in ogni momento, squadra che dà l'impressione che ogni down sia quello che spezza l'equilibrio e non ti permette mai di tirare il fiato. È successo anche in un sabato al Vigorelli di bel sole e bella atmosfera: nel terzo quarto una partita senza un padrone certo è stata decisa dal parziale di 23-0 per i siciliani, che avevano chiuso il primo tempo in svantaggio per 22-14. Le combinazioni tra il qb ospite Eric Marty, il running back Nate Kmic e il tight end Giuseppe Strano e il contributo di Jordan Lake in difesa sono stati fondamentali nello strappo degli etnei, cui non ha saputo replicare l'attacco dei Seamen, penalizzati da cinque intercetti subiti dall'attesissimo quarterback Jordan La Secla, che pure aveva dato ai "marinai" il 22-14 con il passaggio in touchdown su Danilo Bonaparte poco prima dell'intervallo. Troppe però le armi degli Elephants e con la difesa milanese ancora non rodata nel settore dei defensive back per Marty, carico di entusiasmo come al solito, non è stato difficile guidare il parzialone, arrivato anche al 30-0 a inizio ultimo quarto prima di un touchdown di Enton Vjero che ha sbloccato il lugo digiuno dei Seamen. I milanesi domenica andranno a Parma mentre il debutto casalingo di Catania sarà sempre domenica contro gli Energy Building Dolphins Ancona in quella che si annuncia come una partita di spettacolo puro.

DAEMONS CERNUSCO-WARRIORS BOLOGNA 26-48 Spettacolare debutto in IFL dei Daemons Cernusco, capaci di chiudere in vantaggio il primo tempo della sfida casalinga contro i Warriors Bologna per poi cedere quando gli ospiti hanno messo in campo il meglio del loro attacco e chiamato la difesa, che ha subito risposto, a fermare i lombardi. Un bel pubblico e un grande spettacolo in ciascuno dei quattro quarti di gioco, a cominciare dall'unico vantaggio dei padroni di casa con un lancio del quarterback Andrea Bisiani per il brillante ricevitore Stefano Di Tunisi nel secondo periodo, con la trasformazione su calcio dello stesso Di Tunisi per il 14-13. Era il punteggio dell'intervallo, prima che i Warriors nel terzo quarto imponessero il meglio della loro miscela di corse e lanci, segnando due touchdown con Jordan Scott dopo un grande lavoro nelle combinazioni aeree tra il quarterback Eric Watt e i suoi ricevitori, evidenziato poi nell'ultimo quarto dai touchdown di Mattia Parlangeli e Mario Panzani, l'ultimo della partita. Considerando le circostanze, grande soddisfazione da parte di entrambe: i Daemons, pur sconfitti, hanno dato l'idea di avere quel che serve per una buona stagione di debutto, mentre i Warriors sono alla seconda vittoria consecutiva e hanno tirato un sospiro di sollievo per avere superato una partita che, come ha ammesso l'head coach Toni Mangiafico, preoccupava i bolognesi per vari motivi.

DOVES BOLOGNA-HOGS REGGIO EMILIA 20-56 Seconda vittoria consecutiva degli Hogs, ancora in trasferta, nel debutto stagionale degli Elmo Doves, penalizzati dal differente talento medio, dal basso numero di allenamenti, da una serie di infortuni durante la gara e da un inizio difficile, con un pallone mal controllato sul kickoff e recuperato dallo special team reggiano, che ha subito lanciato gli Hogs, giustamente carichi dopo il successo a Milano di sette giorni prima. Ancora vincente la filosofia offensiva basata sulla wing-T, il gioco prevalentemente di corsa con movimenti atti a confondere gli avversari, che ha prodotto 4 touchdown sulla terra (due di Evan Willlams, uno di Luca Callegati, 21 anni, e uno di Enrico Michelini, 20 anni) e 3 sul lancio del quarterback Niccolò Scaglia (quello iniziale di Devon Langhorst, quello dell'esperto Dario Amato e ancora Callegati per 56 yard nell'ultima azione del primo tempo), che ha poi dovuto abbandonare la partita all'intervallo per una botta alle costole, sostituito nella ripresa da Marco Lazzaretti, 21 anni. I Doves hanno avuto momenti di brillantezza con le combinazioni tra i tre americani, ovvero il quarterback Bill Ashburn, Matt Devlin e Gavin Romanick, ottimi giocatori cui ha fatto da grande complemento il ricevitore Gabriele Ghirotti, a segno con una ricezione da 55 yard e precedentemente autore di un'analoga impresa da 42 con palla fermata sulle 6 difensive degli Hogs.

GIANTS BOLZANO-SAMPLA BELTING RHINOS MILANO 6-20 Uno-uno e verifica alla prossima partita, impegnativa per entrambe. Una vittoria e una sconfitta a testa fin qui per Giants e Rhinos, dopo la vittoria dei milanesi a Bolzano domemica pomeriggio. Una partita a tratti confusa, in cui gli ospiti hanno saputo approfittare fin dall'inizio di una giornata non brillantissima degli altoatesini, che pure erano andati in vantaggio per 6-0 con il "solito" (possiamo già dirlo, nonostante il fresco inizio di stagione) Henry Harris, autore pochi minuti prima di un intercetto. Mattia Binda pareggiava nel secondo quarto con una corsa di 1 yard, anche qui senza trasformazione, e chiuso il primo tempo con un intercetto subito in end zone dal quarterback Taylor Harris (Manuel Garau l'autore) i Rhinos allungavano nel terzo periodo con un lancio di Harris per Luca Catalano per 13 yard, questa volta con i due punti aggiuntivi di Jamal Schulters. Era ancora l'americano, schierato in posizione di running back con maggiore frequenza nel secondo tempo (158 yard totali per lui), a chiudere il risultato ancora nel terzo quarto con una corsa di 38 yard non trasformata. Nell'ultima frazione usciva per infortunio Josh Haney, il quarterback di casa, sostituito da Marco Bonacci, e ai Giants non dava esito nemmeno il ritorno di fumble di quasi 50 yard di Stefano Puntar, che poi dava palla indietro per Harris a sua volta fermato dopo pochi passi.

ENERGY BUILDING DOLPHINS ANCONA-LIONS BERGAMO 56-28 Niente da fare, con gli Energy Building Dolphins Ancona lo spettacolo è parte del programma, al punto che andrebbe abbinato al nome stesso della squadra. Dopo un lungo inverno, allenamenti dilazionati per il maltempo e il rinvio della partita inaugurale, i dorici hanno ripreso la loro marcia fatta di un attacco quasi inarrestabile, grazie al ritorno di Rocky Pentello come quarterback e alla presenza dei suoi bersagli preferiti, Michele Marchini e Fulvio Renzi, cui si è aggiunto quest'anno l'americano Doug Rosnick, ben spalleggiato dal connazionale John Pagliaro. Domenica i Dolphins hanno superato i Lions Bergamo per 56-28, nonostante un inizio bizzarro: andati sotto 7-0, i lombardi avevano infatti pareggiato quando Pentello in una collisione con uno degli arbitri perdeva il pallone, recuperato da Ezio Marone che lo riportava in end zone per 74 yard, ed erano passati avanti per 14-7 sulla combinazione per 5 yard tra il Qb Bart Blanchard e il ricevitore Chaz Thompson (autore in seguito di altri due touchdown), uscito poi per infortunio nell'ultimo quarto. Nel resto della gara uno show dei Dolphins contro Lions però mai arresisi: Rosnick ha chiuso con 4 touchdown tutti su lancio, altri due li ha segnati Marchini, uno ancora Fabio Capodaglio e a questo score aereo si sono aggiunti il touchdown su corsa di Pagliaro e il safety ottenuto dallo stesso Pagliaro con un sack su Blanchard.

LAZIO MARINES-PANTHERS PARMA 12-23 Tirata fino all'ultimo la gara conclusiva del weekend, a Ostia. Una battaglia durata dal kickoff iniziale, con i campioni d'Italia Panthers Parma messi in difficoltà per gran parte della gara dai Marines, determinatissimi a cancellare la brutta sconfitta di sette giorni prima a Bergamo. Il primo tempo si è chiuso sul 6-3 per i Lazio Marines, a segno con un lancio di 46 yard di Blake Barnes per Kellen Pruitt non trasformato su calcio, e per gli emiliani, in difficoltà offensive specialmente sui lanci, aveva dimezzato lo scarto Andrea Vergazzoli, il kicker della Nazionale, con un calcio da 23 yard. Sorpasso di Parma con un touchdown su corsa di Jaycen Taylor-Spears (per lui alla fine 21 corse per 110 yards) nel terzo quarto, per il 10-6, prima dei tre touchdown che nell'ultimo quarto hanno deciso la gara: Marines di nuovo al sorpasso alla seconda azione del periodo, con un lancio di 8 yard di Barnes (12/29 per 164 yard per lui) per Lorenzo D'Angelo che dava il 12-10 ai padroni di casa, ma subito dopo Tommaso Monardi (che ha chiuso con 11/23 per 169 yard) lanciava Kevin Grayson in touchdown per 60 yard e sull'ultima azione della partita trovava Tommaso Finadri per 33, dopo due drive in cui i Marines non erano riusciti nel sorpasso, prima a causa di un intercetto di Taylor-Spears poi con un lancio incompleto di Barnes al quarto down.

CLASSIFICA - Hogs Reggio Emilia 2-0; - Panthers Parma e Warriors Bologna 2-1; - Elephants Catania e Energy Building Dolphins Ancona 1-0; - Giants Bolzano, Lions Bergamo, Sampla Belting Rhinos Milano 1-1; - Daemons Cernusco e Doves Bologna 0-1; - Lazio Marines e Seamen Milano 0-2.

IL CALENDARIO DELLA QUARTA GIORNATA - Sampla Belting Rhinos Milano-Lazio Marines sabato 17 marzo 2012 ore 18 Velodromo Vigorelli via Arona 19 Milano
- Warriors Bologna-Hogs Reggio Emilia sabato 17 marzo 2012 ore 21 Stadio Lunetta Gamberini via degli Orti 60 Bologna
- Daemons Milano-Doves Bologna sabato 17 marzo 2012 Stadio Scirea via Buonarroti Cernusco sul Naviglio (Milano)
- Elephants Catania-Energy Building Dolphins Ancona domenica 18 marzo 2012 ore 14 Stadio Cus Catania Via Santa Sofia Catania
- Lions Bergamo-Giants Bolzano domenica 18 marzo 2012 ore 14.30 Stadio Comunale via Stezzano 33 Azzano San Paolo (Bergamo)
- Panthers Parma-Seamen Milano domenica 18 marzo 2012 ore 15 Stadio XXV Aprile via del Popolo Parma

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: