le notizie che fanno testo, dal 2010

Torino Film Festival 2015: 5 film e 7 documentari di Rai Cinema

"Rai Cinema parteciperà al 33esimo Torino Film Festival, in programma dal 20 al 28 novembre, con cinque film e sette documentari che ha contribuito a produrre", mettono al corrente dalla tv di Stato.

"Rai Cinema parteciperà al 33° Torino Film Festival, in programma dal 20 al 28 novembre, con cinque film e sette documentari che ha contribuito a produrre. - spiega la tv pubblica di Stato - Tra i film presentati: 'La felicità è un sistema complesso', l'atteso lavoro di Gianni Zanasi che torna dopo il successo di 'Non pensarci', in cui Valerio Mastandrea interpreta un manager spregiudicato, che avvicina per lavoro dirigenti d'azienda incompetenti. Un film che racconta la necessità del cambiamento e, come dichiara il regista, il 'cercare di crescere'."
"Elisabetta Sgarbi - si continua -, con 'Colpa di Comunismo', si avventura invece all'interno della comunità romena in Italia, raccontando la storia di tre donne alla ricerca di un lavoro, vite marginali ma, a volte, proprio per questo più libere. E, ancora, sarà presentato 'Il sapore del successo' di John Wells, un film sulla passione per il cibo, sull'amore e l'importanza delle seconde opportunità, interpretata da un fantastico cast tra cui Bradley Cooper, Sienna Miller, Uma Thurman e Riccardo Scamarcio, un'esclusiva per l'Italia Leone Film Group e Rai Cinema. 'Lo scambio', primo lavoro di Salvo Cuccia, descrive, invece, la quotidianità di una coppia circondata dalla criminalità nella Palermo degli anni '90. Un'attenzione all'attualità, alle trasformazioni sociali e al territorio, con uno sguardo a volte oggettivo, a volte fortemente introspettivo, è il tratto comune che unisce molti lavori dei documentaristi. Dalla Reggia di Carditello, raccontata da Pietro Marcello, al viaggio nel tempo e nello spazio costruito da Roberto Faenza in un racconto corale di un'Italia vista con gli occhi dei bambini ("Bambini nel tempo"). Dal racconto della malattia in 'Luce mia', dove la storia del regista si intreccia a quella di una paziente, unite nella battaglia contro la leucemia, a un altro viaggio, questa volta a Spoon River, cento anni dopo la pubblicazione dell'Antologia, nell'immaginaria cittadina americana in cui il poeta americano Edgar Lee Masters ambientò e raccontò la vita dei suoi abitanti."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: