le notizie che fanno testo, dal 2010

Il pezzo mancante della famiglia Agnelli: da Giorgio agli eredi Elkann

Il 17 giugno uscirà nelle sare il documentario di Giovanni Piperno, dal titolo evocativo "Il pezzo mancante", racconta la storia "nascosta" della famiglia Agnelli, da Giorgio Agnelli, fratello dell'imprenditore, fino ad un focus sugli eredi John, Lapo e Ginevra Elkann.

Presto nelle sale (uscirà il 17 giugno), il documentario di Giovanni Piperno sulla dinastia degli Agnelli, dal titolo evocativo "Il pezzo mancante". Il documentario, che ha già debuttato all'ultimo Festival di Torino dove ha vinto il Premio selezione Cinema.doc, racconta infatti la storia della famiglia Agnelli, con un occhio di riguardo a Giorgio, il fratello minore dell'avvocato Gianni, che morì a soli 35 anni in una clinica svizzera sul lago di Ginevra, ove era da tempo ricoverato. Il pezzo mancante è proprio questo componente della famiglia Agnelli, che da loro sembra essere stato appunto "rimosso". "Nessuno sapeva dell'esistenza di Giorgio Agnelli. E ancora oggi nessuno lo sa. Finché è stato vivo Gianni Agnelli non si era mai parlato di questo fratello. Se ne accennava di sfuggita in un libro francese, 'Agnelli - l'irresistibile', pubblicato prima della morte dell'Avvocato e poi subito ritirato dal mercato - spiega l'autore del docu-film Giovanni Piperno - Giorgio è diventato per noi il simbolo di tutte le cancellazioni. Spiace dirlo, ma la sua è una storia molto banale. Tutte le famiglie alto borghesi, diciamo fino agli anni '60, rinchiudevano i parenti con problemi psichiatrici nelle cliniche svizzere o di Milano". Giovanni Piperno ha trovato molte difficoltà nel raccontare, e ricostruire, questa storia "sepolta e dimenticata", anche se alla fine ha trovato la fidanzata di allora di Giorgio Agnelli, Marta Vio. Oltre alla storia "segreta" di Giorgio Agnelli, Piperno evidenzia anche altri "pezzi mancanti" della famiglia Agnelli, raccontando episodi particolari di Gianni e focalizzando una parte dell'attenzione sui suoi eredi John, Lapo e Ginevra Elkann, che ora hanno le redini dell'industria.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: