le notizie che fanno testo, dal 2010

Brotherhood: storia d'amore gay nel mondo neonazista

Il 2 luglio uscirà in in 20 copie da Lucky Red "Brotherhood" di Nicolo Donato che racconta una storia d'amore omosessuale nel mondo neonazista in Danimarca.

Il 2 luglio uscirà in in 20 copie da Lucky Red "Brotherhood" (Fratellanza), opera prima di Nicolo Donato, allievo di Lars Von Trier. "Brotherhood" ha vinto il Marc'Aurelio d'oro al Festival di Roma e racconta una storia d'amore omosessuale nel mondo neonazista in Danimarca.
Nicolo Donato specifica che non si tratta di "un film sui naziskin o di un film gay". Per Donato quello che interessa è "la gente, non le etichette o le ideologie". Come lo stesso autore lo definisce, "Brotherhood" è un "film che parla di esseri umani e di cosa succederebbe se si trovassero a vivere una storia d'amore in condizioni estreme". Nicolo Donato in questo film è stato attento a non rendere "troppo umani e simpatici" i nazisti della storia "perché non volevo che qualcuno simpatizzasse per la loro ideologia", afferma ma ci tiene a precisare che per lui la gente non nasce cattiva o buona, ma si cambia a causa dell'educazione. "Ovviamente non rispetto i nazisti, ma l'essere umano che è in loro sì", conclude il regista.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: