le notizie che fanno testo, dal 2010

I bastardi di Pizzofalcone sono su Rai1

Al via 'I bastardi di Pizzofalcone', la nuova serie con Alessandro Gassman e Alessandra Crescentini in onda il 9 ed il 10 gennaio su Rai1.

"Stasera lunedì 9 gennaio e domani martedì 10 gennaio alle 21.25 su Rai1 primo doppio appuntamento con la nuova fiction 'I bastardi di Pizzofalcone' con Alessandro Gassman e Alessandra Crescentini e la regia di Carlo Carlei" si rivela in una nota dalla tv di Stato.

"I poliziotti di Pizzofalcone erano corrotti e la Questura ha deciso di chiudere il commissariato - puntualizza la Rai -. I nuovi investigatori mandati a sostituire i colleghi, sono gli scarti degli altri commissariati."

Si osserva in conclusione: "L'ispettore Lojacono però non riesce a starsene in panchina e, quando una telefonata segnala un caso entra immediatamente in azione. La vittima è una ricca benefattrice, moglie di un importante notaio della Napoli altolocata. L'indagine gli verrebbe tolta dalle mani, se non fosse per l'intervento dell'affascinante pubblico ministero, Laura Piras, incaricata del caso. Nella puntata di martedì 10, la brillante risoluzione dell'omicidio della moglie del notaio è riuscita a sdoganare 'I Bastardi di Pizzofalcone'. Un nuovo caso da risolvere arriva nel cuore della notte. Due anziane nobildonne dell'aristocrazia napoletana, assistono all'omicidio del loro autista. Le indagini condotte da Lojacono e dai suoi colleghi rivelano un passato malavitoso della vittima. Dunque si potrebbe ipotizzare un banale regolamento di conti. Un altro omicidio però, che si scoprirà avere un diretto collegamento con il primo e con altre morti del passato, svelerà nuovi e sorprendenti scenari."

© riproduzione riservata | online: | update: 09/01/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
I bastardi di Pizzofalcone sono su Rai1
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI