le notizie che fanno testo, dal 2010

Caso Roche e Novartis, Altroconsumo: governo Renzi recuperi soldi spesi da SSN

Sul caso Roche e Novartis multate dall'Antitrust "per un cartello che ha condizionato le vendite dei principali prodotti destinati alla cura della vista: Avastin e Lucentis", Altroconsumo chiede al governo di Matteo Renzi di fare "tutto il possibile per recuperare i soldi sottratti ai contribuenti" a causa "dell'aumento di spesa a carico del Servizio Sanitario Nazionale".

Sul caso Roche e Novartis multate dall'Antitrust "per un cartello che ha condizionato le vendite dei principali farmaci destinati alla cura della vista: Avastin e Lucentis", Altroconsumo, che ha già annunciato di stare valutando la possibilità di una class action, rende noto di aver presentato un "esposto alla Procura di Roma e di Torino e un esposto alla Corte dei Conti perché sia fatta chiarezza sulle responsabilità amministrative e penali che hanno provocato l'aumento di spesa a carico del Servizio Sanitario Nazionale pari almeno a 45 milioni di euro - cifra per il solo 2012", spiega in un comunicato stampa. Per Altroconsumo infatti "non c'è stata solo una lesione sul piano della libera concorrenza, inficiata dal cartello da parte di Roche e Novartis, ma anche una mancanza palese di corretta amministrazione da parte di Aifa (Agenzia Italiana per il farmaco) e Ministero della Salute" attraverso "due azioni contestuali: l'eliminazione di Avastin dai farmaci per la maculopatia per questioni di sicurezza e l'autorizzazione del prezzo esorbitante per Lucentis". Altroconsumo aggiunge quindi che se alla base delle decisioni "ci sia stata incompetenza, connivenza o altro dovrà essere appurato" ma sottolinea che "di certo ora c'è il grave danno alle casse dello Stato". Altroconsumo chiede quindi al governo, anche attraverso una petizione rivolta al Presidente del Consiglio Matteo Renzi, di fare "tutto il possibile per recuperare i soldi sottratti, danaro di tutti i contribuenti Italiani che dovrà essere restituito sotto forma di progetti concreti e monitorabili per una gestione della sanità più efficiente".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: