le notizie che fanno testo, dal 2010

Altroconsumo ad Aifa: perché farmaci scompaiono e riappaiono con aumenti

Altroconsumo si incontra con i vertici dell'Aifa per chiedere quali ragioni siano alla base del fatto che ci sono "farmaci che scompaiono e riappaiono in farmacia con aumenti esponenziali, ingiustificati agli occhi dei pazienti".

"Farmaci che scompaiono e riappaiono in farmacia con aumenti esponenziali, ingiustificati agli occhi dei pazienti" denuncia Altroconsumo, che ai vertici dell'Aifa (Agenzia italiana del Farmaco), chiede quali ragioni siano alla base:
- degli aumenti spropositati di prezzo dei tre farmaci della Aspen Pharma;
- della risposta ministeriale all’interrogazione parlamentare sugli aumenti di prezzo dei farmaci. In particolare Alkeran -melfalan (da 5.23 euro a 85.83 euro), Leukeran-clorambucile (da 7.13 euro a 90.20 euro) Purinethol-mercaptopurina (da 15.98 euro a 90.35 euro). La risposta del Ministero della Salute che riferisce di un allineamento ai prezzi più bassi in Europa è confutata dall’analisi di Altroconsumo che evidenzia come, al contrario, in Paesi quali la Grecia, la Spagna e il Portogallo il prezzo dei farmaci della Aspen continui a rimanere molto basso, com’era in Italia prima degli aumenti.
- dell’aver acconsentito al passaggio dalla classe A alla classe C di Melfalan, perché farmaco obsoleto. Grazie a questo trasferimento il prezzo del Myleran-busulfano a marzo 2014 è passato da 15,78 euro a 387,84 euro: il prezzo cioè che i cittadini dovrebbero pagare per accedere a una cura obsoleta.
- del perché Aifa non abbia provveduto a ritirare il farmaco obsoleto dal mercato, visto che per legge ha facoltà di farlo.
Altroconsumo conclude sottolineando quindi come "l'aumento di questi prezzi in Italia appare comunque ingiustificato, anche se la tendenza sarà quella di allineare prima o poi i prezzi dei farmaci in tutti i Paesi europei".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: