le notizie che fanno testo, dal 2010

Decreto su origine obbligatoria in etichetta per latte e formaggi. Ma serve parere Bruxelles

Il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto di aver inviato a Bruxelles lo schema di decreto che introduce l'indicazione obbligatoria dell'origine per i prodotti lattiero caseari in Italia. Difficilmente però l'Unione europea modificherà le sue norme per l'etichettatura.

Il governo cerca, forse in vista del referendum costituzionale di ottobre, l'appoggio della Coldiretti e di tutti i suoi iscritti e nel corso del "Milk day" organizzato a Milano Matteo Renzi annuncia che con la legge di stabilità 2017 anche le aziende agricole potranno accedere ai fondi di rotazione messi a disposizione del Ministero dello Sviluppo Economico. Intanto, il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali rende noto di aver inviato a Bruxelles lo schema di decreto che introduce l'indicazione obbligatoria dell'origine per i prodotti lattiero caseari in Italia. Questo sistema consentirà di indicare con chiarezza al consumatore la provenienza delle materie prime di molti prodotti come latte, burro, yogurt, mozzarella, formaggi e latticini. Il ministro Maurizio Martina assicura che "siamo davanti a un passo storico che può aiutare tutto il sistema lattiero caseario italiano". E forse è proprio questo il problema.

Finora infatti l'Unione europea ha sempre respinto proposte di legge simili. Allo stato attuale le norme sull'etichettatura sono dettate dal regolamento 1169/2011 e Bruxelles non sembra intenzionata a modificarle. L'UE considera infatti lesivo della concorrenza e della libera circolazione delle merci l'indicare nell'etichetta dei prodotti finiti l'origine delle materie prime.
Difficilmente quindi l'Unione europea approverà il decreto varato dall'Italia che prevede che il latte o i suoi derivati dovranno avere obbligatoriamente indicata l'origine della materia prima in etichetta con le seguenti diciture:
a) "Paese di mungitura: nome del paese nel quale è stato munto il latte";
b) "Paese di confezionamento: nome del paese in cui il prodotto è stato confezionato"
c) "Paese di trasformazione: nome del paese nel quale è stato trasformato il latte".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: