le notizie che fanno testo, dal 2010

Taranto: finge di essere stato investito e tenta di estorcere soldi ad automobilisti

"I Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Taranto hanno arrestato un 34enne tarantino sorvegliato speciale della Polizia di stato, per tentata estorsione nei confronti di alcuni automobilisti che transitavano per le vie di questo rione Italia", scrivono in un comunicato i Carabinieri.

"I Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile della Compagnia di Taranto hanno arrestato un 34enne tarantino sorvegliato speciale della Polizia di Stato - viene scritto in un comunicato dall'Arma -, per tentata estorsione nei confronti di alcuni automobilisti che transitavano per le vie di questo rione Italia. Tra le 14.00 e le 15.00, di ieri giungevano molte telefonate al 112, da parte di utenti della strada che segnalavano la presenza di un uomo vestito di scuro con un cappuccio, che fermava gli automobilisti in transito, fingendo di essere stato investito e tentando di farsi consegnare del denaro a titolo di risarcimento."
"Una delle vittime, tra cui ci sono anche donne, era stata addirittura bloccata dal soggetto, che aveva aperto lo sportello dell'autovettura, trattenendola ed impedendole quindi di proseguire la marcia. In pochi minuti le autoradio, attivate dagli operatori della Centrale Operativa, sono giunte in zona e hanno bloccato l'uomo, riconoscendolo in base alle descrizioni fornite dagli utenti. L'uomo, alla vista dei militari, immaginando che lo stessero cercando, ha tentato anche di fuggire, ma è stato prontamente bloccato e condotto in caserma per gli accertamenti di rito. All'esito dei controlli è stato appurato anche che il soggetto, identificato il 34enne, era anche sottoposto alla sorveglianza speciale" prosegue la Benemerita.
"Raccolte le testimonianze di chi aveva chiamato il 112 e appurato che il 34enne chiedeva denaro con minacce e violenza ai conducenti delle autovetture in transito - espongono infine nella nota i militi -, riuscendo a fermarli sferrando pugni contro la carrozzeria delle autovetture, è stato dichiarato in arresto e condotto presso la locale casa circondariale, ove rimarrà a disposizione del pm di turno."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: