le notizie che fanno testo, dal 2010

Pensioni, Damiano (PD): faremo anche l'ottava salvaguardia esodati

"Non sono d'accordo con il Presidente dell'Inps, Tito Boeri. Le risorse per la settima salvaguardia non sono nuove risorse impegnate ma semplicemente l'utilizzo dei risparmi realizzati nel Fondo degli esodati. Confermo che se sarà necessario faremo l'ottava salvaguardia per chiudere definitivamente questo capitolo", comunica in una nota Cesare Damiano, deputato del PD.

"Non sono d'accordo con il Presidente dell'Inps, Tito Boeri: per fortuna nella legge di stabilità il governo ha deciso di inserire la settima salvaguardia degli esodati, opzione donna e la revisione della no tax area dei pensionati" osserva in una nota Cesare Damiano, presidente della Commissione Lavoro alla Camera. "Il Presidente dell'Inps ha anche il dovere di dare una corretta informazione: - aggiunge il deputato PD - gli 11,6 miliardi di euro accantonati con sei salvaguardie sono il frutto di una dura battaglia parlamentare che è iniziata nel 2012, con la quale abbiamo posto un parziale riparo agli errori della riforma delle pensioni voluta dal governo Monti, quando non si è tenuto conto di alcuna gradualità". Damiano precisa quindi: "Le risorse per la settima salvaguardia non sono, come sembra dire Boeri, nuove risorse impegnate ma semplicemente l'utilizzo dei risparmi realizzati nel Fondo degli esodati. - aggiungendo - Con la legge di stabilità si salvaguardano altri 31.000 lavoratori e, secondo le stime dell'Inps diretta da Boeri, ne rimangono ancora esclusi altri 20.000 circa".
L'esponente dem chiarisce quindi: "Confermo che se sarà necessario faremo l'ottava salvaguardia per chiudere definitivamente questo capitolo. Infine, - conclude - non serve lamentarsi perché il governo non ha inserito una misura di flessibilità nella legge di stabilità: a questa scelta ha contribuito anche l'INps con una valutazione dei costi della proposta del PD, presentata già nella scorsa legislatura (uscita a partire dai 62 anni con 35 di contributi e l'8% di penalizzazione), a mio avviso sbagliata: 8 miliardi di costo iniziale. Un calcolo basato su una platea che include il 100% dei potenziali fruitori della norma: tesi infondata che ha contribuito a convincere il governo a rimandare la norma. Per fortuna ci aiuta, oltre che il buon senso, l'indagine di Confesercenti e di SWG che ci spiega che soltanto il 49% degli interessati utilizzerebbe una flessibilità che prevede un taglio permanente dell'assegno pensionistico."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: