le notizie che fanno testo, dal 2010

Taranto: spaccia eroina dai domiciliari, arrestato

"I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Taranto, durante un servizio di prevenzione e repressione dei reati inerenti lo spaccio delle sostanze stupefacenti, hanno arrestato in flagranza di reato, un 43enne tarantino, Sorvegliato Speciale di Polizia con obbligo di soggiorno", riporta in una nota l'Arma.

"I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo di Taranto, durante un servizio di prevenzione e repressione dei reati inerenti lo spaccio delle sostanze stupefacenti, hanno arrestato in flagranza di reato, un 43enne tarantino, Sorvegliato Speciale di Polizia di Stato con obbligo di soggiorno, ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di eroina nonché di violazione degli obblighi inerenti la misura cui era sottoposto" si riporta in un comunicato dall'Arma.
"Nei giorni scorsi, una squadra del Nucleo, a seguito di pressante attività info-investigativa, veniva a conoscenza che l'uomo, nonostante fosse gravato dalla citata misura preventiva, aveva messo in piedi un'attività di spaccio, e per tali motivi nel pomeriggio di ieri attuavano un servizio di osservazione e controllo in via Machiavelli del quartiere Tamburi di Taranto. Nel corso del servizio i militari operanti avevano modo di notare uno strano andirivieni di giovani che dopo essere entrati nello stabile, ove domiciliava il 43enne, pochi minuti dopo ne uscivano allontanandosi frettolosamente dalla zona. I Carabinieri decidevano quindi di procedere ad una perquisizione domiciliare e approfittando del fatto che il 43enne stesse uscendo di casa, dopo averlo reso edotto delle facoltà di legge, iniziavano le operazioni. L'attività non tardava a dare i suoi frutti, infatti nell'armadio della camera da letto, i militari rinvenivano, due involucri contenenti complessivamente 47 grammi di eroina, un bilancino elettronico e materiale vario per il confezionamento delle dosi. L'uomo veniva altresì trovato in possesso di denaro contante, suddiviso in banconote di vario taglio, per un importo complessivo di 305 euro che veniva sottoposto a sequestro in quanto ritenuto provento dell'attività di spaccio. Lo stupefacente, opportunamente sequestrato, sarà sottoposto ad analisi chimiche - gascromatografiche per la determinazione del principio attivo a cura del laboratorio Analisti Sostanze Stupefacenti del Comando Provinciale dei Carabinieri. L'uomo, arrestato in flagranza di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, dopo le formalità di rito, su disposizione del pm di turno presso la Procura della Repubblica di Taranto, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Taranto" riferisce in ultimo la Benemerita.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: