le notizie che fanno testo, dal 2010

Pagella energetica: dal 1 gennaio obbligatoria in annunci immobiliari

Chiunque dal 1 gennaio 2012 vorrà affiggere o pubblicare un annuncio per la vendita della propria casa dovrà riportare nello stesso anche l'indice di prestazione energetica (non la classe energetica). Ma le sanzioni, per il mancato rispetto della normativa, finora arrivaeranno solo in Lombardia.

Dal 1 gennaio 2012 nelle "offerte di trasferimento a titolo oneroso di edifici o di singole unità immobiliari", che in poche parole si può tradurre in ogni annuncio immobiliare (da quegli affissi a quelli pubblicati su riviste e internet), diventa obbligatorio riportare l'indice di prestazione energetica, la cosiddetta pagella energetica. In definitiva, chiunque dal 1 gennaio 2012 vorrà affiggere o pubblicare un annuncio per la vendita della propria casa dovrà riportare nello stesso anche l'indice di prestazione energetica, quel valore, cioè, che "misura il consumo di energia primaria all'anno per mantenere 20 gradi di temperatura negli ambienti, riferito per le abitazioni ad ogni metro quadrato ed espresso in chilowattora (kWh/m2). Più basso il valore, più alta l'efficienza energetica" come spiega chiaramente Il Sole 24 Ore (http://is.gd/k8zf5W). Non è invece richiesta, sull'annuncio, la classe energetica (quella che va da A+ a G), più facilmente intuibile anche per i meno esperti e del settore ma forse meno "precisa" della tabella energetica. Tale obbligo è stato inserito nel decreto rinnovabili (Dlgs 28-2011), che ha aggiunto il comma 2-quater nell'articolo 6 del Dlgs 192-2005, anche se pare non siano state previste sanzioni se non rispettato. Solo la Lombardia, che ha promulgato una legge regionale, punirà con multe che andranno dai 1.000 ai 5.000 euro chiunque non inserirà nell'annuncio l'indice di prestazione energetica, che ovviamente dovrà essere certificato da un professionista abilitato.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: