le notizie che fanno testo, dal 2010

Bollette luce non pagate? Autorità energia: a carico degli altri utenti

L'Autorità per l'energia (Arera) ha deciso che parte degli oneri di sistema degli utenti morosi dovranno essere pagati non dalle società elettriche ma accollate nelle bollette della luce di tutti gli italiani, quelli che pagano ovviamente.

Non piacerà alle associazioni dei consumatori la decisione adottata dall'Autorità per l'energia (Arera) di spalmare il conto degli oneri generali di sistema degli utenti morosi nelle bollette della luce di tutti gli italiani, quelli che pagano ovviamente.
La delibera è datata 1 febbraio 2018 ed ha fatto seguito ad alcune sentenze di Tar e Consiglio di Stato che avevano indicato che la strada da seguire doveva andare in questa direzione.
Gli oneri di sistema sono quegli importi che in bolletta pesano circa il 20% del totale e sono richieste dalle società elettriche per pagare, per esempio, la messa in sicurezza delle centrali nucleari ma anche lo sviluppo delle energie rinnovabili.
Gli oneri di sistema devono sempre essere pagati dai distributori di energia elettrica all'Autorità che li ha decisi. L'Autorità per l'energia ha però decretato che non dovranno essere gli operatori a coprire il tavolo per la parte mancante a causa dei morosi ma gli utenti onesti, per un importo pari a 200 milioni.
L'Arera precisa che ciò "attiene ai soli oneri generali già versati dai distributori ma non incassati da venditori a cui, a fronte della loro inadempienza è stato interrotto il contratto e che quindi non possono più operare sul mercato".

© riproduzione riservata | online: | update: 15/02/2018

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Bollette luce non pagate? Autorità energia: a carico degli altri utenti
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI