le notizie che fanno testo, dal 2010

Sondaggi elettorali Regione Lazio 2013, Storace: Zingaretti frufru

Gli ultimi sondaggi politici prima delle elezioni del 24 e 25 febbraio 2013, vedono alla Regione Lazio Nicola Zingaretti, che supererebbe Francesco Storace di circa 15 punti. Storace chiede a Zingaretti un confronto a due, ma poi su Twitter spiega perché l'ex presidente della Provincia rifiuta sempre di concederglielo.

A due settimane dalle elezioni del 24 e 25 febbraio 2013, il Comitato per Nicola Zingaretti Presidente pubblica (a poche ore dal divieto) gli ultimi sondaggi politico elettorali inerenti la Regione Lazio, stilati da IPSOS. Stando a tali sondaggi, il Lazio sarebbe conquistato proprio da Nicola Zingaretti (PD) con il 41,5% delle intenzioni di voto, staccando di circa 15 punti percentuali Francesco Storace (La Destra, sostenuto tra gli altri dal PDL), al 26,9%. Per questi ultimi sondaggi politici per il governo della Regione Lazio, al terzo posto si piazzerebbe il candidato del MoVimento 5 Stelle Davide Barillari con l'11,5% delle preferenze, mentre Giulia Bongiorno che si candida con la lista di Mario Monti arriverebbe a quota 9,4%. I sondaggi vedono invece Sandro Ruotolo di Rivoluzione Civile appena al 4%. Nel corso della Tribuna Elettorale del TGR Lazio, Francesco Storace e Nicola Zingaretti si sono finalmente incontrati, anche se assieme a tutti gli altri candidati. Storace ricorda che solo la scorsa settimana i sondaggi lo davano a 24 punti da Nicola Zingaretti e quindi, assicura, "si può vincere". Storace fa quindi notare che oltre alle "240mila euro di doppie fatture citate dal rappresentante di Grillo, Davide Barillari" tra le spese di Zingaretti "ci sono anche i palazzi della Provincia che costano 280 milioni e non si capisce perché". A cercare di spiegarlo è quindi l'ex Presidente della Provincia, precisando che "i cittadini sanno che abbiamo tagliato cinque milioni di euro l'anno", anche se Storace ribatte a Zingaretti che, a conti fatti, il risparmio sugli affitti arriverà quindi non prima di "55 anni". Storace quindi invita Nicola Zingaretti ad accettare "un confronto per far capire a milioni di cittadini quali sono le differenze che vogliamo mettere in campo tra i nostri programmi", precisando che finora il candidato del PD non glielo ha "consentito". Più tardi, su Twitter, Francesco Storace spiega di aver finalmente capito "perché Zingaretti non vuole confronti lunghi" visto che "a Rairegione era fiacco, evanescente, frufru".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: