le notizie che fanno testo, dal 2010

Elezioni comunali 2015 Trentino Alto Adige, Valle d'Aosta: vince l'astensione

Le elezioni comunali del 10 maggio 2015 in Trentino Alto Adige e Valle d'Aosta hanno visto la vittoria degli astensionisti. A Trento si riconferma il sindaco uscente del PD Alessandro Andreatta mentre a Bolzano si andrà a ballottaggio. A Faedo e Ortisei elezioni nulle e commissariamento poiché non hanno partecipato al voto il 50% degli elettori. A perdere consensi anche Svp (Südtiroler Volkspartei) oltre che Forza Italia, che passa mediamente dal 20% del 2010 al 4%.

Il 10 maggio si è votato per i rinnovi dei Comuni in Trentino Alto Adige e Valle d'Aosta. Il primo dato rilevate è che, in entrambe le Regioni, si è registrato un calo dell'affluenza alle urne. In Trentino Alto Adige l'affluenza media di queste elezioni amministrative si ferma al 69,8% mentre per quelle in Alto Adige è possibile raffrontare i dati con le passate Comunali del 2010, osservando la minore percentuale di cittadini che si sono recati a votare. A Trento si conferma il sindaco uscente del PD Alessandro Andreatta, vincendo con il 53,7% (alle scorse comunali aveva ottenuto il 64,42%). Dietro ad Andreatta si piazza il candidato unico del centrodestra, Claudio Cia, e di seguito Paolo Negroni del MoVimento 5 Stelle, Antonia Romano della lista L'Altra Trento a Sinistra e Paolo Primon di Popoli Uniti Trentino Suedtirol. A Bolzano si andrà invece al ballottaggio, con il sindaco uscente del PD Luigi Spagnolli che arriva al 41,6% mentre Alessandro Urzì (centrodestra) conquista il 12,7% seguito con pochi voti di scarto da Carlo Vettori della Lega Nord e da Cecilia Stefanelli, della coalizione di sinistra. Drastico calo di Forza Italia, poiché nel 2010 il Pdl aveva conquisato il 20% dei consensi mentre oggi i forzisti ottengono appena il 4%. Anche a Trento Forza Italia praticamente scompare mentre aumentano i consensi per la Lega Nord di Matteo Salvini. La disaffezione dei cittadini verso la politica è però evidente, tanto che i Comuni del Trentino Alto Adige Roncegno Terme, Brez e Mezzano si sono salvati dal commissariamente solo grazie allo scorporo previsto per legge degli elettori all'estero. Elezioni nulle e commissariamento, invece, a Faedo e Ortisei (sempre Trentino Alto Adige), poiché non hanno partecipato al voto il 50% degli elettori. A perdere consensi anche Svp (Súdtiroler Volkspartei) il partito degli altoatesini di lingua tedesca.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: