le notizie che fanno testo, dal 2010

Calearo, Cesario e Scilipoti: ognuno per sé e Dio per tutti

Una volta c'erano i tre moschettieri, Athos, Porthos e Aramis, che combattevano per la Francia al motto di "Uno per tutti e tutti per uno".Oggi invece ci sono Calearo, Cesario e Scilipoti che formano un nuovo partito ma sembra al grido di "Ognuno per sé e Dio per tutti".

Una volta c'erano i tre moschettieri, Athos, Porthos e Aramis, che combattevano per la Francia al motto di "Uno per tutti e tutti per uno".
Oggi invece ci sono Calearo, Cesario e Scilipoti che formano il Movimento di responsabilità nazionale, ma sembra al grido di "Ognuno per sé e Dio per tutti", almeno a quanto si può giudicare dalle loro prime dichiarazioni.
I tre deputati Domenico Scilipoti (ex Idv), Massimo Calearo (ex PD, imprenditore arrivato in politica con Walter Veltroni) e Bruno Cesario (ex Margherita, ex PD, ex Api) hanno infatti formato un nuovo partito, appunto il Movimento di responsabilità nazionale, anche se all'interno sembra esserci più movimento che responsabilità.
Quando in conferenza stampa i giornalisti gli hanno chiesto come si comporteranno il 14 dicembre, in merito al voto di fiducia, i tre moschettieri de noantri hanno candidamente ammesso che uno (Scilipoti) voterà la sfiducia, l'altro (Calearo) si asterrà mentre il terzo (Cesario) sosterrà il governo.
Ma d'altronde sotto Natale un regalo non si nega a nessuno, figuriamoci un voto.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: