le notizie che fanno testo, dal 2010

Drone USA, Obama a Iran: restituitecelo! Ma l'RQ-170 verso clonazione

Come neanche in un racconto di fantascienza, la storia del drone USA abbattutto in Iran comincia a delineare contorni paradossali, con Barack Obama che chiederebbe ad Ahmadinejad: "restituitecelo".

Sembra che il presidente degli Stati Uniti in persona abbia chiesto all'Iran di restituirgli un proprio drone. Ma non un drone qualsiasi, proprio quell'RQ-170 Sentinel che solo pochi giorni fa (leggi http://is.gd/3nXQs0) ha invaso (in modalità stealth) lo spazio aereo iraniano, subito individuato ad abbattuto dall'esercito dell'Iran, come riferivano delle loro fonti. I militari avevano anche immediatamente reso noto come il drone statunitense non avesse subito però molti danni, lasciando intendere fin da subito che avevano ora in mano quella tecnologia americana in merito a tali tipi di veicoli senza pilota e di ultima generazione. Hussain Ibrahimi, vice presidente della Commissione per la sicurezza nazionale e le relazioni con l'estero del Parlamento iraniano, pare infatti che abbia fatto sapere che in un prossimo futuro anche l'Iran sarà in grado di avere un "RQ-170 Sentinel", lasciando intendere che si starebbe già lavorando alla "clonazione" del drone. Una ipotesi, questa, che probabilmente ha messo in allarme tutto lo Stato maggiore stelle e strisce, tanto che Barack Obama sembra che stia tentando di giocare l'ultima carta (l'appello) per riportare in casa il segretessimo (ormai non più per Teheran) drone. Gli Stati Uniti ammettono infatti solamente che il drone ha perso il controllo mentre sorvolava il confine con l'Afghanistan, cadendo quindi causualmente e sfortunatamente in Iran. "Abbiamo chiesto che ci venga riconsegnato. Vedremo quale sarà la risposta iraniana", avrebbe spiegato Barack Obama. Anche se il responso dell'Iran appare piuttosto scontato.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: