le notizie che fanno testo, dal 2010

Roma: nascondeva droga a casa della nonna, arrestato 32enne

"Al termine di un'attività antidroga, durata un paio di giorni, i Carabinieri della Stazione Roma Villa Bonelli hanno arrestato un romano di 32 anni, nullafacente, già noto alle forze dell'ordine, che deteneva sostanze stupefacenti a casa della nonna, ignara di tutto", rivelano in una nota i militi.

"Al termine di un'attività antidroga, durata un paio di giorni, i Carabinieri della Stazione Roma Villa Bonelli hanno arrestato un romano di 32 anni, nullafacente, già noto alle forze dell'ordine, che deteneva sostanze stupefacenti a casa della nonna, ignara di tutto" viene reso noto dall'Arma.
"I militari, indagando nel mondo degli stupefacenti e raccogliendo alcune informazioni da tossicodipendenti della zona, hanno avuto modo, appostandosi in una via del quartiere del Trullo, di localizzare la palazzina dove vi era un insolito via vai di giovani tossicodipendenti" proseguono i Carabinieri.
"Avuto contezza dell'appartamento dove i giovani andavano a rifornirsi della 'roba', i militari hanno effettuato un blitz. Nell'abitazione i militari non hanno però rinvenuto dosi di droga né tantomeno materiale utile a confezionarla. Solo da una più accurata perquisizione, allargata alle pertinenze dell'appartamento i militari sono riusciti a scovare il 'laboratorio' del pusher. I militari controllando il mazzo di chiavi del giovane ne hanno trovata una che ha poi permesso di aprire la porta di un locale in soffitta" prosegue la Benemerita.
I militi segnalano inoltre: "Al suo interno i militari hanno rinvenuto oltre 3 kg di marijuana, in parte già confezionata e pronta alla vendita, nascosta in modo sparso nella soffitta nonché bilancini e materiale utile per pesare e confezionare lo stupefacente."
"In un borsone hanno invece trovato una cassaforte che i militari hanno dovuto aprire grazie all'intervento di una squadra dei vigili del fuoco. Al suo interno era nascosto un sacchetto con 880 grammi di cocaina. Dopo l'arresto l'uomo è stato accompagnato in caserma e successivamente associato al carcere di Regina Coeli - si continua in ultimo -, a disposizione dell'Autorità Giudiziaria; lo stupefacente e il materiale sono stati sequestrati. La cocaina è risultata di una purezza pari all'80%, da cui erano possibili ricavare circa 4.500 dosi per un controvalore di mercato pari a circa 110.000 euro."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: