le notizie che fanno testo, dal 2010

Doping: 6 anni di squalifica a medico federale per "pratiche illecite"

Era stato "incastrato" da un giornalista, che aveva pubblicato un articolo dove raccontava di essere stato consigliato dal medico di sottoporsi a pratiche "mediche" vietate. E ora la squalifica da parte del Tribunale nazionale antidoping del CONI.

Era stato "incastrato" da un giornalista del mensile "Cycling Prò", che aveva pubblicato un articolo dove raccontava di essere stato consigliato dal medico di sottoporsi a pratiche "mediche" vietate per migliorare le sue performance sportive. Al giornalista il medico sportivo federale pare avesse consigliato, infatti, infusioni di ossigeno e ozono e l'autoemotrasfusione. A quel punto la sezione antidoping del CONI ha voluto approfondire la vicenda, che ha portato prima ad una sanzione della Federazione medico sportiva italiana (Fmsi) e ora alla squalifica per "pratiche illecite" da parte del Tribunale nazionale antidoping del CONI. Il dottor Alberto Lugli, quindi, sarà squalificato per ben sei anni, fino al 24 marzo 2017, e costretto a "al pagamento delle spese del procedimento quantificate in euro 1.500 e alla sanzione economica di euro 5.000 a favore del CONI" come recita una nota. Lugli è stato medico federale della Federpattinaggio, della Spal calcio e della Carife Volley di Ferrara.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# antidoping# calcio# Carife# CONI# euro# Ferrara# giornalista