le notizie che fanno testo, dal 2010

Martha Graham: quando il doodle Google "dinamico" diventa danza

Google con il suo doodle, reinterpreta il suo logotipo in senso "dinamico". E chi se non il pilastro della danza moderna Martha Graham poteva disegnare nuovamente il logo di Mountain View. A 117 anni dalla nascita un modo per ricordare la genialità di questa danzatrice e coreografa sempre "contemporanea".

In questi giorni una raffica di "doodle", restyling temporaneo del logotipo di Google, stanno invadendo l'home page del motore di ricerca di Mountain View. I doodle sembrano molto apprezzati dagli utenti che, in questo modo possono arricchire la propria cultura e distrarsi in giorni che forse meriterebbero ben altri pensieri e riflessioni. Non pochi rimasero sorpresi quando il 26 aprile 2011, 25esimo anniversario del disastro di Chernobyl il doodle presentato da Google non fu dedicato alla centrale sovietica ma agli uccelli disegnati dall'ornitologo John James Audubon (leggi "John James Audubon: quando Google casca sull'uccello" http://is.gd/1u5aci). I doodle stanno diventando sempre più televisivi e complessi, ne è emblematico testimone quello di oggi dedicato a Martha Graham che è una vera e propria coreografia (anche se un po' dai tratti nipponici, figli della stereotipizzazioe del fumetto "globalizzato"). Ma chi era Martha Graham a cui Google dedica così tanta cura? Martha Graham (11 maggio 1894, 1 aprile 1991, 117esimo annniversario dalla nascita) era una coreografa e una danzatrice statunitense che creò, nel vero senso della parola, la "danza moderna". Oltre alla piccola biografia in italiano offerta da Wikipedia (it.wikipedia.org/wiki/Martha_Graham) è interessante visitare il Martha Graham Center of Contemporary Dance (marthagraham.org) non solo per conoscere le "conseguenze" del lavoro di questa geniale coreografa ma per farsi un'idea della prestigiosa e "unica" scuola di danza contemporanea da lei fondata. Ma per chi non è esperto del "settore" è molto difficile capire il talento, l'importanza e la "modernità" assoluta di questa coreografa e danzatrice che faceva del "movimento" la massima espressione dell'interpretazione delle emozioni. Per questo viene in aiuto Youtube con dei filmati assolutamente da vedere, almeno per farsi un'idea su Martha Graham. Il primo è sicuramente, almeno per qualità "Martha Graham Night Journey" (youtube.com/watch?v=fFNsKeMbW20), il secondo che consigliamo è il classico "Lamentation" (youtube.com/watch?v=xgf3xgbKYko) con una introduzione della coreografa risalente al 1976. Si noti quanto "Lamentation" possa essere quasi considerato "postmoderno", ma è un lavoro del 1930.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: