le notizie che fanno testo, dal 2010

Juan Gris, che ritrasse Pablo Picasso e Fantomas

Juan Gris "meno folgorato e rapido" rispetto Georges Braque e Pablo Picasso costruì un "proprio universo plastico che la lezione cubista aveva trascurato", come sottolinea Fidolini.

Juan Gris, pittore spagnolo nato a Madrid nel 1887 fu uno dei primi a creare opere cubiste significative dopo Georges Braque, Fernand Léger o Pablo Picasso, cui divenne nei primi del '900 grande amico tanto da dedicargli un ritratto nel 1912. Ne Ritratto di Picasso (Portrait of Picasso http://is.gd/RzA21w), e come in "molti dipinti eseguiti nel '12" quali "Chitarra e fiori", "Paesaggio di Parigi", "Fiasco, bottiglia e coltello", Juan Gris "sembra districarsi nell'intreccio dei piani e delle geometrie con lento calcolo e misurata perlustrazione per ricostruire un proprio universo plastico che la lezione cubista aveva trascurato" dove "gli impasti monocromatici, a volte associati a tenue colorazioni, dominano il campo in quegli scomparti spesso attraversati da una serie di tagli diagonali e di ombre aggressive", come spiega Marco Fidolini in "Pustole – Divagazioni sull'arte e sul costume" (Netcons, S. Giovanni Valdarno, 2003).
La maturazione artistica di Juan Gris avvenne tra il 1914 ed il 1918, quando il pittore castigliano abbandonò il cubismo analitico, che indagò nei suoi spazi e recessi ancora disponibili, per abbracciare definitivamente il cubismo sintetico, quello già esaltato appunto da Picasso e Braque.
Come sottolinea sempre Fidolini, quella di Juan Gris è "una visione meno sconquassata della realtà e più facile a ricomporsi ai nostri occhi" rispetto al "caos" di Picasso, a volte anche sarcastica, forse memore della sua prima passione, quella per la satira, le cui illustrazioni vennero pubblicate su riviste come "Lassiette au Beurre", "Le Charivari", e "Le Cri de Paris".
Il suo "Fantomas (Pipe and Newspaper)" (http://is.gd/Zv80po) del 1915 raffigura infatti un romanzo del noto criminale spietato, dotato di intelligenza diabolica, abilissimo nei travestimenti nato dalla mente dei francesi Marcel Allain e Pierre Souvestre tra diversi altri oggetti di uso quotidiano sparsi su un tavolino di un bar, tra cui spicca "Le Journal", un giornale che pubblicava storie di criminalità sensazionalistica.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# arte# Pablo Picasso# Parigi# Picasso# universo