le notizie che fanno testo, dal 2010

Google si gioca la Carta olimpica per "sbandierare" i diritti gay

Anche se Mountain View ha rifiutato di spiegare il significato del doodle apparso oggi in tutto il mondo, ormai appare ovvio che Google abbia giocato la Carta olimpica per "sbandierare" i diritti gay. Invece di essere neutrale, come dovrebbe un motore di ricerca, Google prende le distanze (politiche) dalla legge russa che "punisce la propaganda gay davanti i minori". E lo fa utilizzando nel doodle i colori della bandiera arcobaleno.

Mountain View ha rifiutato di spiegare il significato del doodle apparso oggi in tutto il mondo sulla home page del motore di ricerca, ma ormai appare ovvio il fatto che Google abbia giocato la Carta olimpica per "sbandierare" i diritti gay. Il doodle di oggi, infatti, più che celebrare le Olimpiadi invernali di Sochi 2014 rappresenta una netta presa di posizione, e di distanza, politica dalla Russia di Vladimir Putin. La multinazionale americana, infatti, invece di essere imparziale (e neutrale come dovrebbe essere un motore di ricerca) utilizza il doodle per esprimere un giudizio sulla contestata legge russa che "punisce la propaganda gay davanti i minori". E lo fa utilizzando nel doodle i colori della bandiera arcobaleno, o bandiera gay, il simbolo cioè più usato e noto del movimento di liberazione omosessuale. Google inoltre ingloba nel doodle di oggi la frase della Carta olimpica che stabilisce come "ogni individuo deve avere la possibilità di praticare lo sport senza discriminazioni di alcun genere", tanto che il presidente di Human Rights Campaign, Chad Griffin, non ha dubbi che Mountain View abbia "fatto una dichiarazione chiara e inequivocabile che la discriminazione anti-LGBT della Russia è indifendibile". Human Rights Campaign quindi si augura che ora "ogni restante sponsor olimpico possa seguire l'esempio di Google". Mentre la risposta degli sponsor sembra farsi attendere, a seguire l'esempio di Google è sicuramente la Germania, visto che i suoi atleti hanno sfilato nel corso della cerimonia d'apertura delle Olimpiadi invernali di Sochi 2014 con una divisa color arcobaleno che sembra essere stata disegnata proprio per "propagandare" la causa dei diritti degli omosessuali.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: