le notizie che fanno testo, dal 2010

Processo Lucia Annibali, sfregiata con l'acido: condannato a 20 anni Luca Varani

Luca Varani, condannato per stalking e tentato omicidio, è stato condannato a venti anni di carcere, per aver commissionato l'aggressione con l'acido nei confronti della sua ex fidanzata Lucia Annibali, che commenta: "Va bene così ma la sentenza non mi libera da una vicenda che resta molto triste e non ha nessuna giustificazione. Non c'era bisogno di arrivare a tanto".

Luca Varani, condannato per stalking e tentato omicidio, è stato condannato a venti anni di carcere, per aver commissionato l'aggressione con l'acido nei confronti della sua ex fidanzata Lucia Annibali. Condannati invece a 14 anni di carcere i due sicari albanesi. Il verdetto è stato pronunciato dal gup di Pesaro Maurizio di Palma ed è stato accolto da molti applausi, poiché il coraggio di Lucia Annibali nell'affrontare a testa alta ciò che è successo l'ha fatta diventare un simbolo per chi combatte la violenza sulle donne . Al fianco di Lucia Annibali anche l'Udi (Unione donne italiane). Francesco Coli, avvocato di Lucia Annibali, sottolinea che "è stata data una pena mai vista nel nostro sistema. - avvertendo - I difensori cercheranno di smontare l'accusa ma non penso che in grado di appello possa subire ritocchi significativi, neppure in termini di pena". I legali di Luca Varani annunciano infatti il ricorso. "Dentro di me non ho coltivato la rabbia" precisa Lucia Annibali in conferenza stampa, sottolineando in una intervista a Repubblica: "Va bene così ma la sentenza non mi libera da una vicenda che resta molto triste e non ha nessuna giustificazione. Non c'era bisogno di arrivare a tanto". "Adesso voglio guardare avanti. In questi mesi difficili ho lottato per non farmi travolgere da un dolore immenso. Non voglio portare rancore, anche se nulla potrà ripagarmi. Adesso voglio ricostruire al meglio il mio viso e godermi un po' di serenità" continua Lucia Annibali. L'avvocatessa è già dovuta sottoporre a dieci interventi chirurgici e tra pochi giorni tornerà in sala operatoria. A Repubblica, commentando l'onorificenza ricevuta al Quirinale, Lucia Annibali spiega che non desiderava certo diventare un simbolo per le donne, ma aggiunge: "Se posso essere d'aiuto per le altre donne, mi va bene".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: