le notizie che fanno testo, dal 2010

Lucrezia Borgia e i suoi carteggi, anche segreti: il documentario, 15 settembre Rai Storia

Il documentario 'La ducissa. Dai carteggi di Lucrezia Borgia' in onda giovedì 15 settembre su Rai Storia.

"Donna torbida e complice dei delitti perpetrati dalla sua famiglia. Ma non solo. E' una Lucrezia Borgia che nasconde aspetti tanto inediti quanto positivi quella al centro del documentario 'La ducissa. Dai carteggi di Lucrezia Borgia' di Marta La Licata, con la regia di Fedora Sasso, in onda giovedì 15 settembre alle 22.45 su Rai Storia" viene segnalato in una nota della tv di Stato.

"A gettare nuova luce sul personaggio, l'analisi di carteggi e documenti amministrativi del ducato di Ferrara condotti dalla professoressa Diane Ghirardo della University of Southern California e la decifrazione di una lettera in codice datata 1510 e custodita nel fondo estense dell'Archivio di Stato di Modena" prosegue la Rai.
"A scoprire il contenuto della missiva segreta è un astrofisico, Daniele Palma, appassionato di storia e di linguistica che, con l'aiuto dei figli Giuseppe e Veronica, è riuscito a tradurre in lettere i quaranta simboli che componevano il messaggio rimasto oscuro per cinquecento anni" si continua.

"Il contenuto è stato verificato e si riferisce a un episodio della guerra contro i veneziani: la perdita della Rocca Possente di Stellata - si fa quindi sapere -, nella località di Bondeno, un dominio estense. La lettera è un elemento nuovo che, unito agli altri carteggi con i membri della famiglia, ci restituisce, secondo la professoressa Diane Ghirardo, una Lucrezia Borgia diversa, in particolare durante il periodo della reggenza della corte di Ferrara accanto ad Alfonso I d'Este."
"Moglie solerte e abile reggente del ducato in assenza del marito, la duchessa è un'abile politica e un'accorta diplomatica, si mostra attenta verso chi lavora a corte e si preoccupa più per il bene comune che per il proprio prestigio personale" si osserva.

"Diane Ghirardo - si specifica dunque -, inoltre, porta alla luce, attraverso contratti e libri contabili, le migliorie e le innovazioni volute da Lucrezia Borgia, come la bonifica di una vasta parte del territorio e l'aumento di campi coltivabili. A confermare la necessità di raccontare Lucrezia Borgia in maniera nuova è anche il premio Nobel Dario Fo, autore del libro "
«La figlia del Papa». Dice il maestro: «Era una persona che amava i propri simili, si dava da fare per salvarli e aveva anche il senso della pìetas, la pietà latina verso tutti quelli che stavano intorno e riusciva ad aver un pensiero di perdono. Era una donna aperta alla comprensione e soprattutto al gesto di aiuto».

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: