le notizie che fanno testo, dal 2010

Il sogno infranto, 11 settembre 1973 Golpe in Cile: il doc su Rai Storia

Il documentario 'Il sogno infranto - 11 settembre 1973: Golpe in Cile' per la serie 'Una giornata particolare', in onda domenica 11 settembre su Rai Storia.

"Un altro 11 Settembre. Forse dimenticato. L'11 settembre 1973: il presidente cileno Salvator Allende - ricorda in un comunicato dalla tv di Stato -, assediato nel suo ufficio al palazzo della Moneda a Santiago dall'esercito guidato dal generale Augusto Pinochet, si toglie la vita, dopo aver parlato per un'ultima volta, via radio, ai connazionali. E' il colpo di Stato cileno ripercorso dal documentario 'Il sogno infranto - 11 settembre 1973: Golpe in Cile' di Francesco Censon, Manuela Mattioli, Gianluca Miligi e Vittorio Rizzo per la serie 'Una giornata particolare', in onda domenica 11 settembre alle 16.00 su Rai Storia."

"Nel racconto la cronaca e le vicende precedenti e successive a quell'evento che si consuma in un solo giorno - specifica quindi la Rai -, ma che diventa cruciale non solo nella storia della America Latina, ma del mondo intero, ingabbiato nella logica della Guerra fredda. Il bombardamento della Moneda, il palazzo presidenziale a Santiago del Cile, la fine tragica di Allende e l'entrata in scena del generale Augusto Pinochet aprono una fase storica drammatica per una parte della popolazione cilena. Si registrano, infatti, da subito, condanne, persecuzioni, torture ai danni dei sostenitori e degli attivisti dell'eterogeneo mondo della sinistra. È lo stadio nazionale di Santiago uno dei luoghi principali delle torture e della morte di tantissimi cileni, tra cui quella del celebre cantante Victor Jara."

"La puntata si avvale di molti contributi - viene spiegato in conclusione -, dalla ricostruzione storica della professoressa Maria Rosaria Stabili, alla testimonianza di Guido Vicario, inviato in Cile per il quotidiano 'L'Unità', e di sua moglie Annelì; dalla preziosa testimonianza della giornalista Patricia Mayorga, al racconto di Emilio Barbarani, che, arrivato in Cile nel '74 come addetto all'Ambasciata conoscerà da vicino il clima di violenta repressione che aveva ormai schiacciato il Paese."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: