le notizie che fanno testo, dal 2010

CGIA Mestre: a fine anno 520mila nuovi esclusi in più dal mercato del lavoro

La crisi economica continua ad allontanare dal mondo del lavoro sempre più persone. La CGIA di Mestre avverte che da una prima stima c'è il rischio che a fine anno ci saranno quasi 520mila nuovi esclusi in più dal mercato del lavoro. Allo stesso tempo, molti lavori rischiano di estinguersi, perché i giovani non si avvicinano più a questi mestieri.

Sarebbero quasi 520mila i nuovi esclusi in più dal mercato del lavoro a fine anno. A renderlo noto, pur precisando che i dati sono stati calcolati sulla base delle previsioni economiche realizzate in questi ultimi mesi da alcuni istituti economico/statistici che potrebbero mutare, è la CGIA di Mestre che ha sommato i disoccupati, i cassaintegrati a zero ore e gli scoraggiati in più che conterà l'Italia a fine 2013, rispetto al 2012. Ed il dato è impressionante: circa 520mila i nuovi esclusi in più dal mercato del lavoro, che porterebbe l'ammontare a fine anno a 5.405.800 unità, rispetto 4.886.000 di fine 2012. "Per invertire la tendenza in atto bisogna agire su più fronti: ridurre il costo del lavoro, favorire una maggiore flessibilità che sia accompagnata da misure di sostegno al reddito per i lavoratori occupati a tempo determinato, ma, in particolar modo, assicurare un alleggerimento fiscale e burocratico sulle imprese" sottolinea il segretario della CGIA di Mestre Giuseppe Bortolussi, che avverte: "Se non aiutiamo soprattutto le miro imprese con meno di 10 addetti, che nel decennio scorso hanno garantito in UE il 58% dei nuovi posti di lavoro, sarà molto difficile abbassare il tasso di disoccupazione che alla fine di quest'anno è dato al 12%". La CGIA di Mestre ricorda che tra il 2008 e il 2012 la crisi economica ha cancellato dal nostro territorio nazionale ben 58.000 aziende artigiane, evidenziando il paradosso: sempre più persone sono senza lavoro ma tra qualche decennio le professioni derivanti dall'artigianato rischiano di estinguersi perché i giovani non si avvicinano più a questi mestieri.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: