le notizie che fanno testo, dal 2010

Ragazzo muore fuori discoteca Guendalina di Santa Cesarea Terme: attesa autospia

Muore all'alba del 9 agosto davanti alla discoteca Guendalina di Santa Cesarea Terme, nel Salento, un leccese di 19 anni, Lorenzo Toma. Il ragazzo si sarebbe sentito male appena fuori dal locale. A fare chiarezza su cosa abbia ucciso il giovane 19enne leccese, fresco di maturità, sarà l'autopsia che si svolgerà in giornata di oggi 10 agosto. Il mistero della bevanda.

Muore all'alba del 9 agosto davanti alla discoteca Guendalina di Santa Cesarea Terme, nel Salento, un leccese di 19 anni, Lorenzo Toma. Il ragazzo si sarebbe sentito male appena fuori dal locale e sarebbe stato immediatamente soccorso dai sanitari del 118, che non sono riusciti a rianimarlo. "Ha bevuto qualcosa e subito dopo si è sentito male" raccontano gli amici che stavano trascorrendo la serata con il 19enne, i quali avrebbero assicurato che nessuno tra loro aveva assunto della droga. La stessa notte in cui al 'Guendalina' ha perso la vita Lorenzo Toma, i Carabinieri hanno arrestato in flagranza di reato due pusher, che spacciavano ecstasy e cocaina. I cani antidroga hanno anche annusato l'automobile con cui il 19enne e gli amici erano andati in discoteca senza però trovare nulla. A fare chiarezza su cosa abbia ucciso il giovane 19enne leccese, fresco di maturità, sarà l'autopsia che si svolgerà in giornata di oggi 10 agosto. Sembra che Lorenzo Toma soffrisse di un problema cardiaco, che non gli aveva però impedito di fare una vita normale.
La morte del giovane, anche se le cause del malore sono ancora tutte da accertare, riaccende la polemica sullo "sballo" del sabato sera, poiché avviene ad appena una ventina di giorni dal decesso del sedicenne Lamberto Lucaccioni al Cocoricò di Riccione, ucciso per overdose di ecstasy. Proprio il 'Guendalina' il prossimo 12 agosto ha organizzato una "Cocoricò nigh" a sostegno del locale emiliano che è stato chiuso dopo la morte del 16enne.
Lorenzo Toma, poco prima di accasciarsi a terra, avrebbe detto una frase del tipo: "Ho troppo caldo, voglio togliermi la t-shirt". Nei minuti precedenti il 19enne avrebbe girato un video selfie insieme ai tre amici con cui aveva trascorso la nottata, e da una prima visione, Lorenzo Toma sembra tranquillo e in buone condizioni di salute, anche se l'audio appare fortemente disturbato. Il Secolo XIX riporta che il giovane "avrebbe ha perso la vita dopo aver bevuto un sorso" di una bevanda analcolica "da una bottiglia afferrata al volo da un tavolo di uno sconosciuto mentre scendeva in pista per l'ultimo ballo della sua vita". La pm Stefania Mininni intanto ha aperto un fascicolo contro ignoti per "morte come conseguenza di altro delitto".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: