le notizie che fanno testo, dal 2010

Rifiuti Napoli: Berlusconi: decreto in arrivo, ma Lega Nord frena

Continua l'emergenza rifiuti a Napoli, tra roghi di immondizia "dannosi per la salute", come ricorda la Prestigiacomo, e tira e molla tra Comune e governo. Berlusconi annuncia che un decreto è in dirittura d'arrivo, ma la Lega Nord continua a frenare.

La Procura di Napoli ha aperto un'inchiesta sulla questione dei rifiuti che continuano ad invadere la città, e all'Ansa il procuratore capo Giovandomenico Lepore annuncia che ci sono già degli indagati, accusati di "epidemia colposa". L'emergenza rifiuti a Napoli continua, e mentre da Lubiana (Slovenia), il Capo dello Stato Giorgio Napolitano sottolinea come il ristabilire la normalità nella città partenopea sarà "un impegno duro e non di breve periodo", il sindaco di Napoli Luigi de Magistris afferma che adesso "la responsabilità pesa sulle spalle del presidente del Consiglio e del Governo, perché la disponibilità delle Regioni è dato acquisito e perché senza decreto si vanifica il nostro sforzo, impedendo così anche la possibilità di procedere al meglio con la raccolta differenziata spinta, come previsto dalla delibera approvata la scorsa settimana dalla Giunta". E Silvio Berlusconi da Bruxelles precisa che il decreto sull'emergenza rifiuti di Napoli sarà sul tavolo già al prossimo Consiglio dei ministri, dove probabilmente saranno inserite delle "norme per consentire che ci sia un flusso extra-regionale dei rifiuti", come conferma all'Ansa il ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo. Una soluzione però che sembra continuare a non piacere alla Lega Nord, visto che il ministro per la Semplificazione Roberto Calderoli ricorda come il Carroccio abbia già "respinto un decreto truffa", e continuerà a farlo se "arriva un testo uguale o che vuole trasformare il pane in pesci o il pane in carne". "Al momento non abbiamo visto alcun testo - continua Calderoli - ci hanno solo detto che c'è l'emergenza rifiuti ma di cose scritte, di testi, non ne abbiamo visti", spiegando che se si useranno "trucchi" allora "voleranno le sedie", come già annunciato a "Berlusconi e Letta".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: