le notizie che fanno testo, dal 2010

Handicap, FISH: appello ai candidati su politiche per la disabilità

Nuovo appello al mondo della politica che sta per "rinnovarsi" in occasione delle prossime elezioni politiche da parte di una Associazione. Questa volta è la FISH, la Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap" che, con un lungo documento per i candidati, richiama l'attenzione sulle "le future politiche per la disabilità".

In occasione delle Elezioni politiche 2013 molti movimenti ed associazioni hanno proposto delle domande o invitato i candidati premier a prendere posizione su dei temi (a volte delle vere e proprie emergenze) che riguardano soprattutto la salute e l'ambiente. E' stato così per i sostenitori della "Campagna per la difesa del latte materno dai contaminanti ambientali" con le loro 10 domande; per la Rete No Elettrosmog con il suo "appello ai candidati premier"; per le Associazioni ambientaliste e a tutela del cittadino che hanno firmato l'"appello contro il decreto che consente di bruciare rifiuti negli impianti di produzione di cemento". Ma le domande e gli appelli non sono ancora finiti, mentre languono le risposte e gli impegni presi nei programmi politico elettorali. La Federazione Italiana per il Superamento dell'Handicap scrive difatti un documento per sollecitare "interventi normativi e regolamentari che ritiene prioritari per le persone con disabilità, per il loro diritto di cittadinanza e per la loro stessa qualità della vita".

Il documento della FISH riguarda le "future politiche per la disabilità" e si concentra sui "cambi di rotta" che la politica italiana è necessario che faccia nei confornti dell'handicap, richiedendo ad esempio che i Fondi per il Sociale debbano tornare almeno ai livelli del 2008. "Massimo è l'impegno che la FISH richiede sul fronte dell'autonomia personale, vita indipendente, 'dopo di noi', e deistituzionalizzazione. E' necessario favorire la domiciliarità, il mantenimento di tutta l'autonomia possibile, lo sviluppo dell'autonomia personale, l'inclusione nella propria comunità di riferimento. Con servizi, risorse, impegno" si legge in una nota della federazione. La FISH fa diverse proposte interessanti su molte tematiche: sul tema del lavoro per cui "vanno riformati i processi di inclusione delle persone con disabilità nel mercato del lavoro ma vanno anche introdotti ammortizzatori per l'inoccupazione delle persone con disabilità"; della mobilità che "nonostante una robusta attività normativa e regolamentare, rimane ancora critico nella qualità della vita delle persone" e, come si legge in una nota, "ultima, ma non certo ultima, la necessità di rilanciare il sostegno alla famiglia". L'organizzazione mette poi i termini delle sue richieste al mondo della politica: "La FISH richiede un impegno di legislatura, ma nel suo documento chiede anche una serie di interventi da realizzarsi nei primi 100 giorni di Governo, per le maggiori emergenze, quelle con più dirette ricadute sui Cittadini".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: