le notizie che fanno testo, dal 2010

Diabete tipo 1: osservato attacco "in diretta" delle cellule immunitarie

Lo studio condotto da un gruppo di ricercatori australiani sul diabete mellito tipo 1 potrebbe servire in futuro a trovare una cura della malattia. Per la prima volta, infatti, gli studiosi hanno osservato "in diretta" l'attacco delle cellule immunitarie nel pancreas di un paziente con diabete di tipo 1 e come queste distruggevano quelle che producono insulina.

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori australiani sul diabete mellito tipo 1 potrebbe dare la giusta accelerata ad una cura della malattia. Per la prima volta alcuni studiosi guidati dal dottor Stuart Mannering, immunologo presso la St Vincent's Institute of Medical Research di Melbourne, hanno infatti osservato "in diretta" l'attacco delle cellule immunitarie nel pancreas di un paziente con diabete di tipo 1 e la conseguente distruzione delle cellule che producono insulina, necessaria a regolare i livelli di zucchero nel sangue. Il pancreas era di un donatore di 19 anni della Tasmania, morto sei anni fa a causa delle complicazioni del diabete mellito tipo 1. Dopo aver ricevuto il pancreas, i ricercatori hanno isolato le cellule insulari in una coltura. Dopo circa 3 settimane, nella coltura erano presenti sia le cellule insulari che quelle immunitarie, conosciute come cellulte T. Il dottor Stuart Mannering spiega: "Alcune delle cellule insulari del pancreas presentavano un alone creato da quelle cellule immunitarie che le avevano circondate". Osservando il comportamento dei due tipi di cellule, è stato inoltre scoperto che quelle immunitarie hanno in particolare preso di mira una parte specifica di quelle insulari, chiamate C-peptide. I ricercatori sono convinti che lo studio, pubblicato sulla rivista Diabetes, potrebbe cambiare la prospettiva degli studi clinici sul diabete perché capire come funziona l'esatta interazione tra le cellule immunitarie e quelle insulari è la chiave non solo per comprendere la malattia, ma anche per progettare meglio i farmaci atti a curare tale condizione di salute.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: