le notizie che fanno testo, dal 2010

Klose al 93', il derby è della Lazio. Reja scaccia l'incubo

Dopo quattro stracittadine perse di fila contro la Roma, l'allenatore della Lazio Edy Reja vince nel modo più bello grazie al gol all'ultimo minuto segnato da Klose. Sono i giallorossi a partire più forte, andando in vantaggio con Osvaldo appena al 5', ma il rigore e l'espulsione di Kjaer a inizio ripresa cambiano la partita.

Edy Reja, uomo partita del derby. Proprio come aveva predetto scherzosamente Francesco Totti. Lo sfottò del capitano della Roma si trasforma in quello che è stata la realtà di una stracittadina vinta dalla Lazio all'ultimo minuto, grazie al gol di Miroslav Klose. E proprio l'allenatore biancoceleste non poteva attendersi di meglio per scacciare le critiche che lo hanno accusato a inizio stagione. Dopo quattro sfide perse di fila con la Roma, Reja trova il modo di spezzare l'incantesimo andando a vincere per 2 a 1 in rimonta ai giallorossi in vantaggio dopo solo 5' di gioco. Il tecnico friulano recupera Klose e lo inserice come titolare, mentre Gonzalez è preferito all'altro rientrante Mauri a centrocampo. Per la Roma Luis Enrique decide come sempre di sorprendere, inserendo Gago come mediano al posto di Pizarro e lasciando in panchina Burdisso preferendogli Kjaer, che fa coppia al centro della difesa con Heinze, mentre in avanti dà spazio al tridente Pjanic-Bojan-Osvaldo. Curioso notare come dei giallorossi in campo ieri sera, solo De Rossi e Perrotta hanno già affrontato i cugini biancocelesti. Forte di uno spirito di squadra e identità ritrovate, la Roma parte fortissimo, tanto da passare subito in vantaggio dopo solo 5'. Pjanic, inserito nel ruolo di trequartista al posto di Totti infortunato, con un giocata che ricorda tanto il capitano giallorosso serve, grazie a un pallonetto che supera la difesa, Osvaldo che stoppa di petto e "trafigge" Marchetti di sinistro. La grande esultanza di tutta la compagine giallorossa è sottolineata dalla maglietta che l'argentino naturalizzato italiano mostra a tutto lo stadio Olimpico. "Vi ho purgato anch'io" si legge, ed è un regalo al capitano che ne indossò una simile in un famoso derby del 1999, vinto 3 a 1 dalla Roma di Zeman. Dopo il gol gli uomini di Luis Enrique continuano a giocare un bel calcio, andando vicino al secondo gol con Perrotta dal limite. La Lazio prova da fuori con le iniziative personali di Hernanes, ma sono i giallorossi ad andare di nuovo vicini al gol. Un'azione orchestrata alla perfezione, Josè Angel fa partire un cross rasoterra che supera Marchetti ma trova un Osvaldo impacciato che non riesce a battere a rete sguarnita. Nel secondo tempo la partita cambia totalmente. A differenza del primo tempo, la Lazio si mostra determinata, andando a spaventare Stekelenburg varie volte in pochi minuti, ma la conclusione svirgolata di Cissè e il recupero di Cassetti (entrato al posto di Rosi infortunato) su Klose fanno mettere le mani nei capelli a Reja. Solo pochi minuti dopo arriva l'ingenuità di Kjaer che trattiene Brocchi in area e si fa espellere da Tagliavento per intervento da ultimo uomo. Sul dichetto va Hernanes che non sbaglia spiazzando Stekelenburg e regalando l'1 a 1 alla Lazio. Luis Enrique a questo punto inserisce Burdisso togliendo, a sorpresa, un centrocampista, ovvero Perrotta. I biancocelesti sono padroni del gioco e vanno vicinissimi al sorpasso alla mezz'ora grazie al colpo di testa di Klose che si stampa sulla traversa. La Roma, anche in inferiorità numerica, rimane sempre combattiva e lotta su ogni pallone. Le occasioni arrivano però solo verso curva nord, dove attacca la Lazio. Cissè ci prova due volte, prima al volo di destro stampando il pallone sul palo, poi con un sinistro deviato dallo "stoico" Heinze che si immola sulla conclusione del francese. Ci prova anche Lulic ma Stekelenburg vola e devia in angolo. Al 93' Matuzalem, fatto entrare da Reja al posto di Brocchi, serve Klose in area che stoppa e gira di destro a botta sicura regalando vantaggio e derby alla Lazio e ai suoi tifosi. Reja incontenibile vola sotto la curva nord a festeggiare con i suoi ragazzi. Un gesto che gli è costato un'espulsione ma, sicuramente, la più dolce della sua carriera. "Abbiamo battuto una grande squadra - ha detto Reja ai microfoni di Sky a fine partita - Sono felice perché abbiamo reso felici i nostri tifosi. L'episodio del rigore ci ha aiutato, ma abbiamo fatto tante belle cose. E creato molto", ha concluso prima di andare a festeggiare.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# calcio# derby# Edy Reja# Francesco Totti# Lazio# Roma# Sky# tifosi# volo