le notizie che fanno testo, dal 2010

Federconsumatori: "le famiglie neanche più in grado di indebitarsi"

L'Osservatorio Nazionale Federconsumatori analizza e incrocia i dati ABI e Istat per scoprire che "le famiglie sono ormai allo stremo". "E' indispensabile intervenire concretamente" – affermano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti.

Osservatorio Nazionale Federconsumatori analizzando e incrociando i dati ABI sull'indebitamento delle famiglie con i dati Istat sull'andamento demografico sottolinea la situazione drammatica delle famiglie italiane.
"L'indebitamento totale (mutui + credito al consumo) dal 2002 al 2009 è passato da 146 miliardi di Euro a 360 miliardi di Euro, con un aumento complessivo del 146% (nel dettaglio per i mutui +152% e per il credito al consumo +133%)" afferma in un comunicato Federconsumatori.
"Nel 2010, sempre secondo i dati ABI relativi al I trimestre 2010, registriamo, come accennato, un evento clamoroso: e cioè la consistenza dei mutui continua a crescere, attestandosi a 252 miliardi di Euro, mentre, per la prima volta, la consistenza del credito al consumo scende a 110 miliardi, rispetto ai precedenti 113 miliardi di fine 2009", continua la nota.
La situazione è quindi molto dura e drammatica nel segno dell'indifferenza politica. "E' grave quando le famiglie sono costrette a ricorrere all'indebitamento per i consumi" - osserva Federconsumatori - "ma diventa allarmante quando le famiglie non sono neanche più in grado di indebitarsi, indice questo di una forte caduta della fiducia nelle prospettive del Paese".
"E' indispensabile intervenire concretamente – affermano Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti - e, sino alla noia chiediamo interventi sui prezzi e sulle tariffe e un forte processo di detassazione per le famiglie a reddito fisso per rilanciare il mercato interno".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: