le notizie che fanno testo, dal 2010

Codacons: da 2007 consumi scesi di 80 miliardi. Disoccupazione raddoppiata

Dal 2007 ad oggi "i consumi sono scesi della maxi-cifra di 80 miliardi di euro" rivela il Codacons, sottolineando che nello stesso periodo la disoccupazione è invece più che raddoppiata. Carlo Rienzi chiede quindi un incontro a Matteo Renzi per "rilanciare i consumi e salvare il commercio".

Dal periodo pre-crisi ad oggi i consumi in Italia hanno fatto registrare un calo drammatico. Non tanto perché non ci sono soldi, ma perché gli italiani, spaventati dal futuro incerto, non li investono, come spiega nel suo ultimo rapporto il Censis, rivelando che "il valore di contanti e depositi bancari è aumentato di 234 miliardi di euro negli ultimi sette anni". Poiché gli italiani temono di perdere il posto di lavoro e non si sentono tutelati dal sistema walfare, "dal 2007 ad oggi i consumi sono scesi della maxi-cifra di 80 miliardi di euro" riporta il Codacons, sottolineando che "ciò significa che ogni famiglia in 7 anni ha ridotto mediamente gli acquisti per oltre 3.300 euro, ossia una riduzione dei consumi pari a più di 1.300 euro procapite, neonati compresi". Tra i settori più colpiti dai tagli di spesa operati dalle famiglie troviamo i trasporti (-23%), abbigliamento e calzature (-17%), mobili per la casa ed elettrodomestici (-12%). Ma si riducono anche i consumi primari, con gli alimentari che scendono in 7 anni del -11,5%. Il Codacons ovversa quindi che "nello stesso periodo raddoppia il numero dei disoccupati: se nel 2007 il tasso di disoccupazione registrato dall'Istat era di poco superiore al 6% (6,1%), oggi siamo al 12,6%. I disoccupati sono così passati da 1.506.000 del 2007 ai 3.220.000 del 2014, ossia 1.714.000 cittadini senza lavoro in più in soli sette anni". Il presidente del Codacons, Carlo Rienzi, avverte: "Questi numeri danno la dimensione della gravissima crisi vissuta dal nostro paese Il governo in carica, con il bonus da 80 euro in busta paga, ha gettato solo una goccia nel mare, del tutto insufficiente a risollevare i bilanci familiari. - aggiungendo - Sono anni che gli allarmi sullo stato economico disastroso delle famiglie lanciati dal Codacons rimangono inascoltati dalle istituzioni. Per tale motivo chiediamo un incontro urgente al premier Matteo Renzi, affinché ascolti le nostre proposte per aumentare il potere d’acquisto delle famiglie e per rilanciare i consumi e salvare il commercio".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: