le notizie che fanno testo, dal 2010

Condannato a 20 anni per crimini di guerra, beve veleno in Tribunale e muore

Il 72enne ex generale croato-bosniaco Slobodan Praljak ha bevuto del veleno subito dopo essere stato condannato a 20 anni per crimini di guerra, commessi nell'ex Jugoslavia.

Finisce in tragedia il processo contro il 72enne ex generale croato-bosniaco Slobodan Praljak, condannato nel 2013 a 20 anni di carcere per crimini di guerra commessi nella città di Mostar, nell'ex Jugoslavia.
Durante la lettura della sentenza emessa Tribunale internazionale de L'Aja, che ha confermato la condanna, Slobodan Praljak ha urlato "non sono un criminale di guerra" e subito dopo ha bevuto il contenuto di una bottiglietta che teneva in mano. Praljak ha avuto giusto il tempo di dire che aveva appena bevuto del veleno prima di sentirsi male. Interrotta la seduta, l'ex generale è stato portato in un ospedale a L'Aja dove è morto poche ore dopo.

Ripreso il processo, sono stati condannati anche gli altri 5 imputati Jadranko Prlic, Bruno Stojic, Milivoj Petkovic, Valentin Coric e Berislav Pušic, con condanne che variano dai 10 ai 25 anni. La massima pena è stata inflitta per Jadranko Prlic, all'epoca primo ministro dell'autoproclamata Repubblica Croata dell'Herzeg - Bosnia (1991 - 1994), mentre Berislav Pušic, il responsabile dei campi di prigionia dell'Hvo, la milizia croato - bosniaca, è stato condannato a 10 anni.
Aperta una inchiesta sull'accaduto, per capire come mai Slobodan Praljak sia riuscito ad entrare in un'aula del tribunale con del veleno.

© riproduzione riservata | online: | update: 29/11/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Condannato a 20 anni per crimini di guerra, beve veleno in Tribunale e muore
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI