le notizie che fanno testo, dal 2010

Liberalizzazioni, Romanini (PD): colmare vuoto legislativo su pane e panifici

"Far sì che l'impegno contenuto nel decreto sulle liberalizzazioni del 2006 nella parte riguardante l'attività di produzione di pane e nella previsione di un decreto volte a disciplinare la denominazione di 'panificio', 'pane fresco' e 'pane conservato', diventi realtà", così in una nota Giuseppe Romanini dal Partito Democratico.

"Far sì che l'impegno contenuto nel decreto sulle liberalizzazioni del 2006 nella parte riguardante l'attività di produzione di pane e nella previsione di un decreto volte a disciplinare la denominazione di 'panificio', 'pane fresco' e 'pane conservato', diventi realtà" riflette in una nota l'esponente del Partito Democratico Giuseppe Romanini, che ha depositato due risoluzioni in Commissione Agricoltura e in Commissione Attività produttive, in questo caso con la prima firma del collega Galperti.
"L'obiettivo era la tutela della corretta informazione per i consumatori e la valorizzazione del pane fresco italiano, un tema che ho ripreso lavorando alla Proposta di Legge in materia di produzione del pane che depositerò fra breve e che mira a valorizzare uno dei prodotti dell'eccellenza italiana. - prosegue il deputato PD - Proprio negli incontri preliminari avuti con le associazioni dei panificatori è emersa l'esigenza di riprendere le fila di un provvedimento che, pur avendo avviato l'iter anche in sede europea, si è arenato, creando così un vuoto legislativo che si ripercuote su tutte quelle aziende italiane che quotidianamente sfornano il pane."
"Le due risoluzioni che ho scritto e presentato hanno la funzione di impegnare il governo a completare una normativa necessaria a fare chiarezza su un prodotto base della dieta italiana e mediterranea" si apprende in ultimo.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: