le notizie che fanno testo, dal 2010

Le domeniche dell'Audiitorium, 15 novembre: l'ottetto in fa maggiore d. 803 di Franz Schubert

"Cinque archi e tre fiati. È con questa formazione che i cameristi di Torino dell'OSN Rai si presentano domenica 15 novembre alle 10.30 sul palco dell'Auditorium Rai 'Arturo Toscanini' di Torino per il terzo appuntamento de 'Le Domeniche dell'Auditorium'", rivelano in una nota dalla tv pubblica di Stato.

"Cinque archi e tre fiati. È con questa formazione che i cameristi di Torino dell'OSN Rai si presentano domenica 15 novembre alle 10.30 sul palco dell'Auditorium Rai 'Arturo Toscanini' di Torino per il terzo appuntamento de 'Le Domeniche dell'Auditorium', la serie di 5 concerti domenicali dei complessi da camera dell'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, realizzata in collaborazione con Lions Clubs International Distretto 108 I a 1" rende noto la tv di Stato.
"Francesco Punturo e Roberto D'Auria - si sottolinea dunque -, violini, Giorgia Cervini, viola, Ermanno Franco, violoncello e Antonello Labanca, contrabbasso, insieme a Salvatore Passalacqua, clarinetto, Marco Panella, corno e Bruno Giudice, fagotto, propongono l'Ottetto in fa maggiore D.803 di Franz Schubert, pubblicato postumo come op.166, capolavoro cameristico del compositore viennese".
"Il brano fu scritto in breve tempo nel 1824 su commissione del conte Ferdinand Troyer, - viene illustrato in ultimo - clarinettista dilettante che impose che fosse «esattamente come il Settimino di Beethoven». Schubert ricalcò il modello beethoveniano nella formazione strumentale (aggiunse solo un violino portando da sette a otto gli interpreti) e nel numero e ordine dei movimenti. Il temperamento lirico e romantico dell'Ottetto, però, rivela i tratti tipici del suo autore. Il concerto è introdotto e presentato dagli esecutori stessi, che daranno notizie sui brani in programma e porteranno l'attenzione del pubblico sugli strumenti musicali, illustrandone le caratteristiche e i molteplici volti."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: