le notizie che fanno testo, dal 2010

Nei fast food una pillola contro il junk food

Un cardiologo inglese propone ai fast food di offrire ai propri clienti una pillola di statina, un farmaco che dovrebbe inibire la sintesi del colesterolo. Per mettersi in pace con la coscienza e col proprio cuore.

Nel vassoietto dei fast food come McDonald's e Burger King il cliente presto potrà trovare, oltre al panino prescelto, anche una piccola pillola anticolesterolo, tanto per mettersi in pace con la coscienza e col proprio cuore, è proprio il caso di dirlo.
A proporre questa insolita abbinazione è il cardiologo dell'Imperial's National Heart and Lung Institute Darrel Francis che ha pubblicato la sua teoria sull'American Journal of Cardiology.
Per il cardiologo "la gente continua a mangiare" il cosiddetto cibo spazzatura pur sapendo che fa male prima di tutto perché è saporito (soprattutto a causa di esaltatori di sapidità come il glutammato) ma anche perché "geneticamente programmati per preferire i cibi ad alto contenuto calorico". Visto quindi che le catene di fast food "continueranno a vendere cibi malsani perché questo gli dà da vivere" il medico propone di associare a tale dieta una pillola di statina, un farmaco che dovrebbe inibire la sintesi del colesterolo. Oltretutto offerta dalla casa che sarebbe in tale maniera la causa e la soluzione dello stesso problema.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: