le notizie che fanno testo, dal 2010

Fragagnano: arrestato in flagranza 33enne pregiudicato per spaccio cocaina

"I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Taranto, durante un servizio di prevenzione e repressione dei reati inerenti lo spaccio delle sostanze stupefacenti, hanno arrestato in flagranza di reato, un 33enne pregiudicato di Fragagnano", espone in un comunicato la Benemerita.

"I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Taranto - viene riferito in una nota dall'Arma -, durante un servizio di prevenzione e repressione dei reati inerenti lo spaccio delle sostanze stupefacenti, hanno arrestato in flagranza di reato, un 33enne pregiudicato di Fragagnano, ritenuto responsabile di detenzione ai fini di spaccio di cocaina."
La Benemerita riporta infine: "Una squadra del Nucleo, a seguito di attività info-investigativa, veniva a conoscenza che l'uomo si stava dedicando ad attività di spaccio e per tali motivi poneva in essere un servizio di osservazione e controllo in prossimità del luogo di residenza del pregiudicato. I Carabinieri decidevano quindi di procedere ad una perquisizione domiciliare e dopo averlo fermato sull'uscio di casa, lo informavano dei motivi della loro presenza e delle facoltà di legge concessegli, ma questi, di tutta risposta, tentava di sottrarsi al controllo cercando di guadagnare la fuga. In tali fasi l'uomo tentava inoltre di disfarsi di un contenitore di medicine, che celava negli slip, subito recuperato dai militari, al cui interno venivano rinvenute 11 'cipollette' termosaldate contenenti sostanza stupefacente verosimilmente del tipo cocaina. Il 33enne veniva altresì trovato in possesso di denaro contante, suddiviso in banconote di vario taglio, per un importo complessivo di 400 euro che veniva sottoposto a sequestro in quanto ritenuto provento dell'attività di spaccio. L'uomo, veniva quindi arrestato in flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e dopo le formalità di rito, su disposizione del pm di turno presso la Procura della Repubblica del capoluogo ionico è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Taranto."

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: