le notizie che fanno testo, dal 2010

Malattie neurologiche rare e neuroimmuni: nasce Fondazione il Bene

Nasce la Fondazione il Bene, a beneficio di persone affette da malattie neurologiche rare e neuroimmuni. Responsabile scientifico della Fondazione è il dott. Fabrizio Salvi mentre testimonial d'eccezione è invece la giornalista e conduttrice televisiva Ilaria D'Amico.

Nasce la Fondazione il Bene, a beneficio di persone affette da malattie neurologiche rare e neuroimmuni, il cui sito internet (fondazioneilbene.org) è ancora in allestimento. Come sottolinea in un comunicato la CCSVI nella Sclerosi Multipla (http://is.gd/sD5sUB), la Fondazione il Bene ha visto la luce "grazie alla notevole generosità di alcuni importanti imprenditori e imprese locali, Guidalberto Guidi (Ducati Energia S.p.A.), GVS S.p.A., Marchesini Group S.p.A., Fava S.p.A., Geox S.p.A., ed all'impegno profuso con grande disponibilità da persone coinvolte a diverso titolo nel campo delle malattie neurologiche rare e neuroimmuni". La Fondazione è presieduta dal dott. Francesco Rosetti, magistrato di Bologna mentre il responsabile scientifico della Fondazione è il dott. Fabrizio Salvi. Testimonial d'eccezione è invece la giornalista e conduttrice televisiva Ilaria D'Amico che "ha appoggiato fin dall'inizio il percorso costitutivo che ha portato alla nascita della Fondazione il Bene". "La Fondazione si propone quale ideale e naturale punto di riferimento per la prosecuzione e lo sviluppo del lavoro di ricerca, assistenza e cura svolto dal dott. Fabrizio Salvi, responsabile del Centro Il BeNe, e dai suoi collaboratori, presso l'Ospedale Bellaria dell'Azienda USL di Bologna - si legge nel comunicato - La Fondazione il Bene trae perciò il suo nome dall'omonimo centro operante presso la prestigiosa struttura sanitaria bolognese, con il quale si propone di collaborare strettamente", e come precisato nell'art. 2 dello statuto, la 'Fondazione il Bene' "persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale a beneficio di persone affette da malattie neurologiche rare e neuroimmuni. La Fondazione promuove lo sviluppo delle attività di ricerca scientifica di interesse sociale nel campo delle neuroscienze, con particolare attenzione alle malattie neurologiche rare e neuroimmuni. La Fondazione si propone inoltre lo svolgimento di attività nei settori della assistenza sociale, sociosanitaria e sanitaria, rivolte a persone in situazione di svantaggio, perché affette da malattie neurologiche rare e neuroimmuni".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: