le notizie che fanno testo, dal 2010

Il telefonino fa male alla salute? Cassazione dà ragione a ex manager

L'uso del telefonino per 5 o 6 ore al giorno per 12 anni avrebbe portato, secondo la Cassazione, un ex manager bresciano a sviluppare un "neurinoma del ganglio di Gasser". Avrà diritto alla pensione d'invalidità. Giorgio Cinciripini della Rete Elettrosmog-Free Italia: "La sentenza rappresenta un decisivo passo verso il riconoscimento completo dei reali rischi per la salute da esposizione alle onde elettromagnetiche".

Per dodici anni un manager bresciano aveva utilizzato il telefono cellulare e il telefono cordless per almeno 5 o 6 ore al giorno nello svolgimento del suo lavoro. Poi la malattia, nel 2002, un tumore benigno al trigemino sinistro (neurinoma del ganglio di Gasser), un dolore lancinante, anche dopo l'operazione e la cura, e la lunga battaglia legale per vedere riconosciuta la pensione di invalidità. Il neurinoma del ganglio di Gasser, come spiega la sentenza di Cassazione è un "tumore che colpisce i nervi cranici, in particolare il nervo acustico e, più raramente, come nel caso di specie, il nervo cranico trigemino". La causa del suo tumore, sosteneva l'ex manager, era per via del telefono cellulare usato per motivi di lavoro. Una vertenza legale molto difficile da vincere, dato che gli studi che rivelano il nesso tra "telefonini" e cancro sono sovente finanziati dalle stesse case produttrici multinazionali di telefonini e antenne. L'Inail aveva respinto la richiesta dell'ex manager ma il Tribunale d'appello di Brescia aveva dato ragione al lavoratore, portando l'Inail a ricorrere in Cassazione. Cassazione che però confermato le ragioni dell'ex manager con una sentenza storica.

Non a caso Giorgio Cinciripini della Rete Elettrosmog-Free Italia (che riunisce associazioni, comitati di cittadini, gruppi ed esperti impegnati nella difesa dall'inquinamento elettromagnetico) afferma in una nota: "Martedì 16 ottobre 2012 è una data che verrà ricordata a lungo nel settore dell'elettronica e delle telecomunicazioni. (...) La sentenza rappresenta un decisivo passo verso il riconoscimento completo dei reali rischi per la salute da esposizione alle onde elettromagnetiche. (...) Oltre al riconoscimento della correlazione causa-effetto tra utilizzo del cellulare e/o cordless e patologie invalidanti, la sentenza introduce un altro elemento di assoluta rilevanza: le indagini nei luoghi di lavoro non possono essere eseguite sulla base di valutazioni teoriche e 'white list' che escludano a priori alcune fonti, ritenendole ininfluenti". Questa sentenza, ricorda Cinciripini "ha un'eco a livello mondiale (ci sono diverse class action iniziate negli USA che attendevano questa conferma) ed arriva nelle stesse ore in cui il Governo Italiano ha avviato un percorso di de-regulation delle misurazioni della esposizione".

La sentenza della Cassazione è davvero "dirompente" e "innovativa" più di quanto si pensi, dato che utilizza studi indipendenti condotti dall' "Hardell group" (non finanziati come altri dalle multinazionali del settore) in cui "era stato evidenziato un aumento significativo de! rischio relativo di neurinoma (intendendosi per rischio relativo la misura di associazione fra l'esposizione ad un particolare fattore di rischio e l'insorgenza di una definita malattia, calcolata come il rapporto fra i tassi di incidenza negli esposti - numeratore - e nei non esposti - denominatore -)" come si legge nella sentenza. La Cassazione difatti osserva come "l'ulteriore rilievo circa la maggiore attendibilità proprio di tali studi, stante la loro posizione di indipendenza, ossia per non essere stati cofinanziati, a differenza di altri, anche dalle stesse ditte produttrici di cellulari, costituisce ulteriore e non illogico fondamento delle conclusioni accolte". Una sentenza che sicuramente "fa giurisprudenza" e che farà sottolineare in futuro, magari in processi similari, come molte case produttrici dei telefonini raccomandino già oggi una "distanza raccomandata" orecchio-telefonino per poter conversare.

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: