le notizie che fanno testo, dal 2010

Bagnasco: Lampedusa non sia lasciata sola. UE non si chiami fuori

Sulla drammatica situazione che sta vivendo l'isola di Lampedusa interviene anche il cardinal Angelo Bagnasco che spiega che "è un'illusione pensare di vivere in pace, tenendo a distanza popoli giovani, stremati dalle privazioni, e in cerca di un soddisfacimento legittimo".

Durante i lavori del parlamentino dei vescovi italiani, il presidente della CEI, cardinal Angelo Bagnasco, ha affrontato il problema che sta vivendo soprattutto in queste ultime settimane Lampedusa, i lampedusani e gli immigrati che provengono dalle terre in rivolta del Maghreb. Bagnasco esprime prima di tutto una "cordiale ammirazione per la generosità e il senso dell'accoglienza che da sempre contraddistingue la popolazione lampedusana" chiedendo quindi "ai responsabili un ulteriore sforzo perché, avvalendosi di tutti gli strumenti anche comunitari, si dia sollievo all'isola e ai suoi abitanti che non devono infatti sentirsi soli". Bagnasco spiega infatti che "gli immigrati superano ormai la popolazione locale determinando involontariamente una condizione di generalizzato, profondo disagio" sottolineando come "l'attività lavorativa della piccola comunità rischia di finire seriamente compromessa, tra le crescenti preoccupazioni delle famiglie". Il cardinal Bagnasco afferma quindi che "per predisporre soluzioni minimamente adeguate per gli sfollati, i profughi o i richiedenti asilo c'e' bisogno, oltre che dell'apporto generoso delle singole Regioni d'Italia, anche della convergenza dell'Europa comunitaria, chiamata a passare, come giustamente si è detto, da una 'partnership della convenienza' a quella della 'convivenza'". "Continuare a ritenere interi popoli poveri come fastidiosi importuni non porterà lontano" conclude il suo discorso Bagnasco perché "è un'illusione pensare di vivere in pace, tenendo a distanza popoli giovani, stremati dalle privazioni, e in cerca di un soddisfacimento legittimo per la propria fame" ricordando come "non ci è consentito di disinteressarci di quel che avviene fuori di noi, nelle coste non lontane dalle nostre".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: