le notizie che fanno testo, dal 2010

Rapporto Antigone 2012 e web doc Inside carceri: a Teramo ok al porno

Presentato il rapporto Antigone 2012 assieme al web documentario "Inside carceri", dove tra le altre cose si parla del carcere di Teramo Castrogno dove il direttore ha permesso l'introduzione di materiale pornografico nel carcere.

L'associazione Antigone ha presentato oggi il rapporto annuale sulle condizioni di detenzione in Italia , che quest'anno è accompagnato anche dal primo web-doc intitolato "Inside carceri", dedicato alla situazione delle carceri in Italia, realizzato dall'Osservatorio di Antigone insieme al service giornalistico multimediale Next New Medi (scaricabile appena messo on-line su http://www.youtube.com/nextnewmediasrl/). Nel documentario un approfondimento anche al carcere teramano di Castrogno, dove viene intervistato il direttore Stefano Liberatore che racconta delle novità introdotte da qualche tempo. Nel carcere di Castrogno "che conta circa 350 detenuti a fronte di una capienza di 210 e che nel 2012 ha visto tra le sue mura quattro suicidi" come sottolinea il direttore, sono state aperte due sezioni e metà di una terza, in maniera tale che i detenuti possano interagire tra loro e fare vita in comune. Ma non solo. Salvatore Liberatore ha permesso, "un unicum nel panorama italiano" come lui stesso precisa, di introdurre nel carcere materiale pornografico. Liberatore si dice infatti "convinto che anche la pornografia può entrare in carcere ma attraverso una visione culturale, una visione significativa di elevazione del diritto stesso non solo alla riservatezza ma anche all'integrità umana sotto l'aspetto psicofisico".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# carcere# carceri# documentario# Italia# on-line