le notizie che fanno testo, dal 2010

Palmi: detenuto evade da carcere con corda di lenzuola legate

Un detenuto del carcere di Palmi, in Provincia di Reggio Calabria, è evaso legando tra di loro delle lenzuola, come nei film. Ed il Sappe avverte che è "fumo negli occhi" il "pensare a un regime penitenziario aperto".

Era stato appena condannato ad una pena di 6 anni di carcere per spaccio di droga, ma la prigionia di Angelo D'Agostino, 30 anni di Rosarno, è durata circa una settimana. Il detenuto è infatti oggi evaso dal carcere di Palmi approfittando dell'oria d'aria. Stando alle prime ricostruzioni, il detenuto avrebbe dapprima scavalcato i muri di due cortili per poi calarsi dall'ultimo, quello che dà all'esterno, con una corda fatta con delle lenzuola legate tra loro, come nei più classici dei film. Il tutto senza essere visto da nessuno, soprattutto dalla Polizia penitenziaria che si sarebbe accorta dell'evasione solo dopo qualche ora, durante il controllo delle celle. Ed Angelo D'Agostino mancava all'appello. L'evaso è ora ricercato da tutte le forze armate. "Questo grave episodio deve fare riflettere" denuncia il Sappe (Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria). Donato Capece, segretario generale del Sappe sottolinea come "le politiche gestionali dell'Amministrazione penitenziaria stanno delegittimando e depotenziando oltre misura il ruolo di sicurezza affidato alla Polizia Penitenziaria" definendo "fumo negli occhi" il "pensare a un regime penitenziario aperto; a sezioni detentive sostanzialmente autogestite da detenuti previa sottoscrizione di un patto di responsabilità favorendo un depotenziamento del ruolo di vigilanza della Polizia penitenziaria, relegata ad un servizio di vigilanza dinamica che vuol dire porre in capo ad un solo poliziotto quello che oggi fanno quattro o più agenti, a tutto discapito della sicurezza e mantenendo la fattispecie penale della colpa del custode".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

più informazioni su:
# carcere# Donato# droga# evasione# film# fumo# Palmi# Rosarno# spaccio