le notizie che fanno testo, dal 2010

Decreto stupefacenti: tornano differenze tra droghe leggere e pesanti

Il Consiglio dei Ministri ha varato un decreto che reintroduce le tabelle per la classificazione delle sostanze stupefacenti dopo la bocciatura della Fini-Giovanardi. Tornano quindi in vigore le differenze tra droghe leggere e droghe pesanti.

Il Consiglio dei Ministri ha varato un decreto che reintroduce le tabelle per la classificazione delle sostanze stupefacenti dopo la bocciatura della Fini-Giovanardi. Tornano quindi in vigore le differenze tra droghe leggere e droghe pesanti. Il ministro della Salute Beatrice Lorenzin spiega che il CdM per il momento è intervenuto "solo al ripristino delle tabelle riferite alla disciplina amministrativa, perché si era creato un vuoto dopo la sentenza della Corte Costituzionale", che aveva bocciato la Fini-Giovanardi non nel merito (di aver cioè equiparato le droghe cosiddette leggere come la cannabis da quelle pesanti come la cocaina) ma nel metodo di conversione in legge del decreto perché furono inseriti molti emendamenti che erano estranei all'oggetto e alla finalità del testo di partenza. Beatrice Lorenzin sottolinea quindi che "per la parte penale e per una riconfigurazione dei reati" il governo rinvia "nell'arco dei 60 giorni di attuazione del decreto a un approfondimento sia in sede interministeriale che parlamentare".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: