le notizie che fanno testo, dal 2010

Per i cambiamenti climatici migrano anche i microbi: dal Sahara alle Alpi

Uno studio pubblicato su Microbiome ha evidenziato che i cambiamenti climatici causano le migrazioni anche di intyere colonie di microrganismi (batteri e funghi), che dal deserto del Sahara riescono ad adattarsi al gelo delle Alpi.

I cambiamenti climatici non provocano solo le migrazioni di esseri umani e animali, ma anche dei microrganismi.

Studiano la carica microbica di uno tra i più intensi eventi di trasporto di polveri sahariane che ha raggiunto le Alpi nel 2014, i ricercatori hanno trovato infatti prove che le grandi tempeste di polvere possono muovere non solo frazioni, ma intere comunità microbiche (batteri e funghi) dalle aree sahariane all'Europa e che questo microbiota contiene molti organismi estremamente resistenti e in grado di sopravvivere in ambienti diversi.

L'analisi delle firme genetiche dei batteri e funghi congelati e delle comunità microbiche dei suoli ha consentito infatti di verificare che alcuni di questi microbi sahariani sopravvivono anche dopo lo scioglimento delle nevi, probabilmente perché presenti in grandi quantità.

I ricercatori ipotizzano quindi che il cambiamento climatico e l'aumentata frequenza di questi eventi possa cambiare in modo significativo le comunità microbiche dei nostri suoli, trasportando intere comunità microbiche molto lontane.

Lo studio, pubblicato su Microbiome, è stato condotto da un team multidisciplinare di microbiologi, geologi, chimici e bioclimatologi della Fondazione Edmund Mach di San Michele all'Adige, dell'Istituto di biometeorologia del Consiglio nazionale delle ricerche (Ibimet-Cnr), dell'Università di Firenze, Venezia e Innsbruc.

Questo studio, viene specificato infine, è stato reso possibile dalle moderne e sofisticate strumentazioni di ricerca: tra queste la metagenomica e biologia computazionale di Fem. "Da quando tecniche di sequenziamento di ultimissima generazione hanno dato all'uomo la possibilità di vedere microorganismi senza coltivarli su piastra, ma identificandoli direttamente dalla 'firma' del DNA, si è scoperto che i batteri e i funghi sono in tutti gli ambienti, inclusa l'aria, le nubi e il vento", concludono i ricercatori.

© riproduzione riservata | online: | update: 21/03/2017

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE:

social foto
Per i cambiamenti climatici migrano anche i microbi: dal Sahara alle Alpi
Mainfatti, le notizie che fanno testo
Questo sito utilizza cookie di terze parti: cliccando su 'chiudi', proseguendo la navigazione, effettuando lo scroll della pagina o altro tipo di interazione col sito, acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di piu' o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie fai clickQUICHIUDI