le notizie che fanno testo, dal 2010

Stefano Bettarini "il bello" del calcio scommesse: "non c'entro nulla"

Nel giro di calcio scommesse che ha portato all'arresto, ai domiciliari, anche Beppe Signori, sembra che sia indagato anche Stefano Bettarini, ex marito di Simona Ventura. Secondo il gip sarebbe "il bello" nel giro degli scommettitori, ma Bettarini dice: "Non c'entro nulla".

Una indagine sul calcio scommesse ha portato all'arresto 16 persone, di cui 7 già in carcere e 9 ai domiciliari. Agli arresti domiciliari anche Beppe Signori, pare il punto di riferimento del "gruppo di Bologna". Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di aver condizionato negli ultimi mesi il risultato di alcuni incontri dei campionati di serie B, Lega Pro e pare anche alcune partite di Serie A. Sembra che tra gli indagati ci sia anche Stefano Bettarini (oltre a Cristano Doni, capitano dell'Atalanta) che, a quanto si leggerebbe nell'ordinanza del gip, nel giro degli scommettitori verrebbe chiamato "il bello". Stando a quanto riporta l'Ansa (http://is.gd/XpEc1K), nell'ordinanza Stefano Bettarini verrebbe "associato alle partite Atalanta-Vicenza, Inter-Lecce e Padova-Atalanta, Siena Sassuolo". D'altra parte Stefano Bettarini, ex marito di Simona Ventura e presenza fissa anche nella sua trasmissione "Quelli che il calcio", si dice assolutamente estraneo ai fatti. "Ho appreso dalla stampa che sarei indagato in un procedimento penale avanti la Procura della Repubblica di Cremona insieme a molte altre persone alcune delle quali ex calciatori come me e che conosco per questa ragione - spiega all'Ansa l'ex difensore - Non c'entro nulla con qualsiasi azione volta a truccare i risultati delle partite e non so nulla di cosa facessero le altre persone coinvolte nell'indagine". Stefano Bettarini sottolinea anche di aver "già conferito mandato" ai suoi legali, Gaspare Dalia e Ernesto De Toni, affinché tutelino la sua "reputazione" perchè, spiega Bettarini: "Il mio nome è stato accostato con lo stesso rilievo a persone che addirittura sono state arrestate mentre io non sono stato neppure informato dell'indagine o perché si è pubblicato che sarei stato condannato per un altra vicenda analoga mentre - precisa - io ho avuto esclusivamente una sanzione disciplinare per omessa denuncia di condotte illecite di altri".

• DALLA PRIMAPAGINA:

• POTREBBE INTERESSARTI:

• LE ALTRE NOTIZIE: